Direttore: Aldo Varano    

REGGIO. Museo della 'ndrangheta. Il J'accuse della GdF: truffa aggravata, Falsità ideologica, appropriazione indebilta, irregolarità nella gestione di soldi pubblici

REGGIO. Museo della 'ndrangheta. Il J'accuse della GdF: truffa aggravata, Falsità ideologica, appropriazione indebilta, irregolarità nella gestione di soldi pubblici

L'ex presidente del Museo della 'ndrangheta - oggi Osservatorio sulla 'ndrangheta - Claudio La Camera, e' indagato dalla Procura di Reggio Calabria per truffa aggravata ai danni dello Stato, falsità ideologica e appropriazione indebita per presunte irregolarità nella gestione dei finanziamenti pubblici ricevuti. Lo scrive il Fatto Quotidiano. Secondo quanto emerso dalle indagini condotte dalla Guardia di finanza parte dei finanziamenti pubblici ricevuti dal Museo sarebbero stati utilizzati da La Camera per viaggi non autorizzati e spese non attinenti con l'attività' della struttura, tra le quali la riparazione di un'automobile, l'acquisto di un i-pad, di pinze per il bucato, di oggetti di modellismo e anche di un pollo di gomma per fare giocare un cane, oltre a cibo per animali.

I finanzieri hanno anche segnalato alla Procura della Repubblica i componenti dell'ex giunta regionale di centrodestra guidata da Giuseppe Scopelliti per concorso in abuso d'ufficio in relazione alle delibere di giunta con cui sono stati stanziati i finanziamenti in favore del Museo della 'ndrangheta diretto da La Camera. Nell'elenco ci sono tutti gli assessori della giunta Scopelliti: Antonella Stasi, Mario Caligiuri, Luigi Fedele, Pino Gentile, Giacomo Mancini, Franco Pugliano, Francescantonio Stillitani, Mimmo Tallini, Michele Trematerra e, ovviamente, l'ex governatore. Ma il quadro si apre anche a tre dirigenti regionali dell'epoca, che avrebbero firmato atti finiti nel mirino della Procura di Reggio Calabria. E si estende fino ai funzionari della Provincia di Reggio Calabria i cui atti hanno consentito all'associazione 'Antigone-Museo della 'ndrangheta' di ottenere finanziamenti per complessivi 856mila euro tra il 2007 e il 2012