Direttore: Aldo Varano    

CATANZARO. Giunta si costituirà parte civile in tutti i processi sull’utilizzo fraudolento di finanziamenti e fondi Ue

CATANZARO. Giunta si costituirà parte civile in tutti i processi sull’utilizzo fraudolento di finanziamenti e fondi Ue

  

La Regione Calabria si costituira' parte civile in tutti i processi penali per l'indebito conseguimento o utilizzo fraudolento delle risorse comunitarie. Lo ha stabilito la Giunta regionale calabrese - secondo quanto e' scritto in una nota dell'Ufficio stampa - accogliendo una proposta in tal senso del presidente dell'esecutivo, Mario Oliverio.

"La legalita' - e' detto ancora nella nota - prima di tutto. La Regione, quindi, sara' parte civile nei processi aventi ad oggetto qualsiasi reato inerente, collegato o, comunque, preordinato, all'indebito conseguimento o al fraudolento utilizzo di contributi, finanziamenti o altri aiuti comunitari". "La violazione delle regole e lo sperpero delle risorse comunitarie - ha affermato in una dichiarazione il presidente Oliverio - non costituiscono soltanto un danno economico ma determinano una gravissima lesione del rapporto di fiducia che deve intercorrere tra le istituzioni pubbliche ed i cittadini onesti, e che con fatica pagano le tasse fino all'ultimo euro. Per questo, la costituzione di parte civile rappresenta lo strumento tecnico, non privo di un valore altamente simbolico, al fine di riaffermare che le risorse comunitarie sono patrimonio di tutti e vanno usate esclusivamente nell'interesse del bene comune e quindi, se acquisite o consumate in modo non corretto, devono essere restituite".

"Anche a tal fine, ed in una prospettiva di razionalizzazione della spesa - ha detto ancora Oliverio - la Giunta ha contestualmente autorizzato l'Avvocatura regionale ad assumere il patrocinio dell'Arcea per la costituzione di parte civile della stessa Agenzia nei processi penali aventi ad oggetto l'indebito conseguimento o l'utilizzo fraudolento di contributi, finanziamenti o altri aiuti comunitari, erogati dall'Agenzia quale organismo pagatore per la Regione Calabria".