Direttore: Aldo Varano    

I Comitati dei prof calabresi chiedono alla Regione di promuovere questione d'illegittimità sulla legge che riforma la scuola

I Comitati dei prof calabresi chiedono alla Regione di promuovere questione d'illegittimità sulla legge che riforma la scuola

(rep)

Il giorno di Ferragosto i docenti calabresi hanno depositato una mozione in Consiglio Regionale perché sia adita la Corte Costituzionale contro la Riforma della Scuola del Governo Renzi

Dopo la richiesta di un appuntamento ufficiale, non ancora concesso, fatta al Governatore della Regione, I docenti hanno elaborato e condiviso una mozione, indirizzata al Presidente della Giunta Regionale Mario Oliverio e al Presidente del Consiglio Regionale, Nicola Irto, per promuovere la questione di legittimità costituzionale, ex art.127 comma secondo della Costituzione davanti alla Corte costituzionale, contro la Legge 107/2015, pubblicata in Gazzetta Ufficiale il 13 luglio.

I promotori dell'iniziativa, Comitato per la scuola della Repubblica - Catanzaro e provincia, gli “Insegnanti Calabresi”, il Movimento Docenti Autoconvocati di Cosenza, i Comitati docenti di Vibo, Crotone, Reggio Calabria, hanno richiesto al Presidente del Consiglio Regionale l'inserimento della mozione all'ordine del giorno della seduta del 31 agosto.

La mozione va inserita con urgenza, poichè il 13 settembre 2015, scadranno i termini per la proposizione del ricorso della Regione Calabria .

Questa Riforma della scuola lede le competenze regionali ed è un oltraggio alla Costituzione, di cui tradisce numerosi principi.

In particolare si individuano violati gli articoli 3 e 33 della costituzione laddove non viene garantito il diritto allo studio e la libertà di insegnamento nel momento in cui tale diritto dipenderà dalle disponibilità economiche degli enti locali, sui quali graverà parte della gestione delle attività scolastiche, e dagli orientamenti dei dirigenti scolastici, che proprio in virtù dei “super poteri” di cui saranno investiti, potrebbero anche essere portati a scavalcare i ruoli e le competenze delle stesse amministrazioni regionali.

Ma la riforma avrebbe ripercussioni notevoli anche sul piano sociale ed economico della regione, laddove l’esodo di massa al quale sono di fatto stati costretti i precari con il ricatto dell’immissione in ruolo, genererà un disfacimento dei nuclei familiari, specie ove vi siano casi di disabilità non più tutelati dalla 104, e una notevole perdita di gettito fiscale e contributivo andando di fatto a ledere le competenze regionali in materia di "coordinamento della finanza pubblica e del sistema tributario; valorizzazione dei beni culturali e ambientali e promozione e organizzazione di attività culturali", di cui all'art. 117 della Costituzione.

Come già avvenuto in altre regioni d’Italia nelle quali docenti e movimenti politici hanno già avviato il livello di discussione su tali procedimenti di ricorso, si chiede in buona sostanza che anche in Calabria si avvii in tempi brevi un dialogo fra istituzioni e parti sociali.

Pertanto una delegazione di promotori dell'iniziativa prenderà parte alla seduta del Consiglio Regionale del 31 agosto per sostenere la mozione e vigilare sull'operato dell'organo collegiale.

Comitato per la scuola della Repubblica - Catanzaro e provincia,

Insegnanti Calabresi,

Movimento Docenti Autoconvocati di Cosenza,

Comitato di Vibo

Comitato di Crotone

Comitato di Reggio Calabria

Referenti:
prof.ssa Bianca Laura Granato (CZ) cell. 3401480886

prof.ssa Daniela Costabile (Lamezia) cell. 3209743024
prof.ssa Rosella Cerra (Lamezia) cell.3459919890
prof.ssa Gianfranca Bevilacqua (Lamezia Terme), cell. 3473059377

prof.ssa Lara Nocito (CS) cell.3332789420
prof.ssa Rosanna Giovinazzo Polistena (RC) cell.  335 1740777
prof. Tassone Rocco Docente ITC di Mileto (VV)
prof.ssa Fiammingo Antonella, Referente comitato docenti Scuola(VV)
professore La Bernarda Francesco, Comitato docenti Crotone