Direttore: Aldo Varano    

BASTA VITTIME SULLA 106 per mettere fine al massacro

BASTA VITTIME SULLA 106 per mettere fine al massacro

L’APPELLO AI GIOVANI DELLA FAMIGLIA E DI FABIO PUGLIESE

Ha avuto luogo il 19 agosto, nel centro storico di Monasterace, la Fiaccolata in ricordo di Francesco Paparo e di tutte le vittime della S.S.106 in Calabria fortemente voluta dall’Associazione “Basta Vittime Sulla Strada Statale 106” con il patrocinio dell’Amministrazione comunale di Monasterace. L’iniziativa ha previsto una Santa Messa nella Chiesa Matrice presieduta dal Rev. Parroco Don Nicola Commisso e poi di seguito una fiaccolata molto sentita e partecipata soprattutto dai tanti giovani amici di “Ciccio” Paparo.

Commossi e sentiti gli interventi: quello di Andrea Anania, lo zio di Francesco Paparo, che ha rivolto un appello ai giovani, invitandoli a percorrere la S.S.106 con grande attenzione e altrettanta prudenza “per evitare tragici eventi che fanno sprofondare nella disperazione e nel dolore intere famiglie”. Il Primo Cittadino Cesare Deleo, invece, ha voluto ricordare “Ciccio” Paparo e poi ha rivolto un appello alle istituzioni “affinché al più presto possano risolvere i problemi legati alla S.S.106 che nel tratto che va da Riace fino a Soverato è la stessa ormai da sempre”.

Il presidente dell’Associazione “Basta Vittime Sulla Strada Statale 106” Fabio Pugliese ha voluto, invece, lanciare un appello ai giovani di Monasterace: “Voi conoscete la Nuova SS 106 tra Riace e Locri – ha detto Pugliese - lottate ed impegnatevi affinché si possa avere la Nuova SS 106 su tutta la costa jonica calabrese. Segnalate alla nostra Associazione tutto ciò che non va sulla “strada della morte" perché noi lotteremo affinché ogni illegalità ed ingiustizia sia cancellata! Ricordatevi di rispettare le regole, di rispettare la vostra vita e quella degli altri quando guidate sulla SS 106”.

All’iniziativa, peraltro molto partecipata, erano presenti anche l’Associazione “Amici di Raffaele Caserta” di Melito Porto Salvo, il Comitato Torre Oliveto di Motta San Giovanni e l’Associazione Stefania Sità di Agnana Calabra: organizzazioni da sempre impegnate sulla S.S.106. Di grande emotività, infine, il concerto della “Healing Christian Band” che ha scelto per l’occasione brani di musica sacra.