Direttore: Aldo Varano    

Il trionfo della ragion di Stato: A Reggio scioglie il Comune a Roma no. DEMETRIO ARENA

Il trionfo della ragion di Stato: A Reggio scioglie il Comune a Roma no. DEMETRIO ARENA

di DEMETRIO ARENA* – (rep) Come preannunciato dal premier Renzi in tempi “sospetti” (prima ancora di avere contezza dalle indagini e dalle relazioni) il comune di Roma, fortunatamente per il nostro Paese, non è stato commissariato per infiltrazioni mafiose.

La Ragion di Stato ha prevalso sull’applicazione di una Legge iniqua oltre che inutile, quella ragion di Stato che quando si è trattato di giudicare il caso Reggio Calabria ha scelto invece di mandare a casa un’amministrazione democraticamente eletta da pochissimi mesi, sulla base dell’ innovativo quanto suggestivo concetto di "contiguità".

Nel caso di Roma la procedura è nata da un indagine della Magistratura che è stata   superata dalla volontà del governo Renzi di salvare l’amministrazione capitolina amica, evitando un danno insanabile per il nostro Paese. Per Reggio, invece, tutto è partito dall' “input” di un ben noto ambito politico, che ha trovato sponda nel governo tecnico più inadeguato della storia della Repubblica e si è consumato nelle stanze delle più alte cariche dello Stato.

L’allora ministro Cancellieri, nel corso della sua confusa e contraddittoria conferenza stampa, disse candidamente che con lo scioglimento del comune di Reggio il governo voleva dare un messaggio al mondo intero: che l’ Italia era consapevole del problema della mafia e che intendeva risolverlo con determinazione.

In entrambi i casi, comunque, la Ragion di Stato ha visto come esecutori materiali le “lobby ministeriali”, i "servitori dello Stato", quegli ineffabili e benestanti "mandarini" al servizio del ministro di turno, affetti da una malattia incurabile:“il carrierismo”.

Una “ulteriore analogia” riguarda la volontà politica, quella per intenderci con la p minuscola: l’amministrazione capitolina ha trovato la pesante tutela del partito di maggioranza relativa del Governo, il Pd, che è sceso in campo con determinazione, sfruttando i più efficaci canali istituzionali e mediatici, per difendere una strategica postazione di potere; di contro Reggio non solo non ha avuto alcuna tutela politica da parte di una coalizione e di un partito, in quel momento in avanzato stato di liquefazione, ma ha anche trovato il fuoco amico di ben noti personaggi che hanno affossato la città, in quanto preoccupati unicamente di arginare dell’escalation nazionale dell’allora Governatore della Calabria. Del resto il silenzio sulla vicenda di Mafia Capitale dei parlamentari calabresi e reggini continua ad essere assordante, oltre che eloquente della loro dimensione intellettuale e politica.

Ma "analogia" a parte, in un Paese normale la decisione presa dal Consiglio dei Ministri dopo lo scandalo “Mafia Capitale”, imporrebbe una serie di adeguate valutazioni politiche e sociali.

La prima è che l’ Italia non è uno Stato di diritto ma ha assunto, ormai da qualche decennio, i connotati di uno Stato autoritario che viola la legge, nega i fondamentali diritti costituzionali dei cittadini, ponendo in essere trattamenti iniqui nei   diversi territori del Paese. Per quanto emerso dalle relazioni della commissione edall’azione della magistratura, a norma di legge il consiglio comunale di Roma andava sciolto per via d’urgenza, senza indugi e senza alchimie politiche. Per molto, ma molto meno, qualsiasi comune del Meridione, sarebbe stato commissariato: a prescindere!

Aver voluto trovare una scorciatoia lasciando in piedi una norma i cui effetti distorsivi sono stati denunciati unanimemente a tutti i livelli (politici, giudiziari ed istituzionali) sancisce un principio ben preciso: lasciare che una materia cosi importante come il contrasto alle mafie continui ad essere utilizzata come strumento di contrapposizione politica. Significa continuare a perpetrare quell’antimafia di facciata che serve a costruire carriere politiche ea mantenere in vita organismi utili solo alla lottizzazione del potere.

Detto questo è evidente come, a fronte di atteggiamenti palesemente iniqui, sia venuta meno la credibilità nello Stato e nelle Istituzioni, specie in quei territori che per decenni hanno sentito forte il peso dell’abbandono e dell'isolamento. Ma l' effetto più grave è che quello che tutto ciò determina: il rafforzamento della mafia soprattutto in termini di consenso e di controllo del territorio, che costituiscono i pilastri su cui si fonda il potere criminale.

Uno stato che utilizzando due pesi e due misure, criminalizza intere comunità, privandole   di   ogni possibilità di sviluppo e di ogni speranza, ha determinato la desertificazione che affligge la nostra Regione e che si fonda su quel particolare stato psicologico ben rappresentato da Corrado Alvaro “la disperazione più grande che possa impadronirsi di una società è il dubbio che vivere rettamente sia inutile”.

*Già Sindaco di Reggio Calabria