Direttore: Aldo Varano    

ISTAT. 800 euro di divario tra Nord e Sud per la spesa familiare. Tra Trentino e Calabria differenza 1300

ISTAT. 800 euro di divario tra Nord e Sud per la spesa familiare. Tra Trentino e Calabria differenza 1300
Oltre 800 euro al mese: a tanto ammonta il divario nord-sud testato sui valori medi del carrello della spesa (alimentare e non). Differenza che sale addirittura a 1.300 euro se si confronta il Trentino Alto Adige con la Calabria, agli opposti della 'classifica' regionale.  
 
La spesa media mensile per consumi delle famiglie italiane si attesta infatti a 2.489 euro, ma nel mezzogiorno, secondo i dati Istat contenuti nel volume 'Italia in cifre', riferiti al 2014, risulta di 1.959 euro, mentre al nord di 2.790 euro, un valore piu' alto del 42,4%. La differenza e' cosi' di 831 euro.   Guardando alla composizione familiare sono naturalmente le coppie con 2 e piu' figli quelle che maggiormente mettono mano al portafoglio: per loro la spesa media mensile a livello nazionale oscilla intorno ai 3.230 euro. Al contrario, quella piu' bassa si registra per la persona sola con piu' di 64 anni (1.630 euro). Livelli di spesa altrettanto bassi per gli under-35 che vivono da soli (1.753 euro in media).   A pesare di piu' per tutti sono le spese per l'abitazione (che rappresentano in media il 36,7% del totale), mentre le spese alimentari sono il 17,5%; poi i trasporti (10,3%), il tempo libero (4,9%) e il vestiario (4,6%). Cosi' la spesa alimentare viaggia mediamente sui 436 euro al mese.   Le differenze emergono anche nel confronto con i nuclei familiari stranieri. Dagli ultimi dati dell'Istituto di statistica si evince, infatti, che le famiglie composte solamente da stranieri spendono mediamente 1.645 euro al mese, 844 euro in meno delle famiglie di soli italiani.    E ancora: se si guarda alle differenze tra le regioni, si riscontrano i valori massimi della spesa media mensile delle famiglie in Trentino Alto Adige (3.073,54 euro), subito dopo in Lombardia (2.950,06 euro) e in Emilia Romagna (2.883,27 euro) e, all'opposto, i valori minimi in Sicilia (1.778,86 euro) e inCalabria (1.757,82 euro). Si tratta di una differenza tra i valori medi che assume un massimo pari al 74,8%. Una differenza di oltre 1.300 euro