Direttore: Aldo Varano    

MANGIALAVORI (Cdl). Il Consiglio regionale discuta il provvedimento di Cantone contro Oliverio

MANGIALAVORI (Cdl). Il Consiglio regionale discuta il provvedimento di Cantone contro Oliverio

"Il presidente del Consiglio regionale, Nicola Irto, convochi una seduta perche' i consiglieri regionali siano informati sulla questione sanzionata, prima caso in Italia, dall'Anticorruzione". Lo afferma in una nota il consigliere regionale della Cdl, Giuseppe Mangialavori. "Un fatto cosi' grave - aggiunge - espone la CALABRIA ad una valutazione pessima da parte dell'opinione pubblica internazionale e non puo' che essere posto all'attenzione dell'Aula, perche' ciascuna forza politica si assuma le proprie responsabilita' e dica pubblicamente da che parte sta. Un dibattito non per amplificare la polemica, ma perche' sia mandato all'Italia un messaggio di diverso segno: la CALABRIA non condivide quella nomina in violazione di una legge, recepisce in pieno le esigenze di salvaguardare il buon governo nella pubblica amministrazione e, nonostante quanto accaduto, sostiene lo sforzo del presidente Cantone e di tutti gli italiani onesti che deplorano ogni tipo di fenomeno corruttivo. Aver fatto una nomina in violazione della legge, su questo terreno incandescente, e aver ricevuto una sanzione cosi' squalificante per il prestigio dell'Istituzione-Regione, dovrebbe condurre alle dimissioni del Presidente ed al voto. Nella tanto criticata prima repubblica, quando i partiti avevano il polso degli umori della societa', scelte come quelle a cui assistiamo, ostinate a difendere l'indifendibile, a non recedere dal torto evidente e, anzi, ad incassare solidarieta' da pezzi dello stesso Pd calabrese, non sarebbe stata tollerabile". "Percio', cio' che occorre - conclude - e' un dibattito libero, non preventivamente mosso da intenti liquidatori della sfortunatissima X legislatura. E' l'unico modo per tentare di eliminare le ombre che un episodio come questo disseminano nel dibattito pubblico italiano e acuiscono il pregiudizio nei confronti della nostra regione"