Direttore: Aldo Varano    

Narcotraffico: arresti e perquisizioni in Costarica

Narcotraffico: arresti e perquisizioni in Costarica
 

Blitz della Polizia di Stato in Costarica. Nell'entroterra della penisola caraibica sono in corso perquisizioni e arresti, disposti dalla Procura distrettuale antimafia di Reggio Calabria e dalla Fiscalia General contra la delincuencia organizada di San Jose'. Le accuse per i destinatari dei provvedimenti restrittivi, emessi dalle autorita' giudiziarie di Reggio Calabria e di San Jose', sono quelle di associazione per delinquere finalizzata al traffico internazionale di droga. L'operazione, ribattezzata "Columbus 2", rappresenta un nuovo segmento investigativo di quella conclusasi nel maggio scorso con l'esecuzione di 13 arresti, eseguiti in Italia e negli Stati Uniti, nei confronti di un sodalizio ritenuto legato alla 'ndrangheta ionico-reggina. - Sarebbero poco meno di una decina i provvedimenti emessi dal Gip di Reggio Calabria, che ha accolto le richieste della Dda nei confronti, tra gli altri, del titolare di una societa' di import-export del Costarica che, secondo le indagini, era al centro di un enorme traffico di droga dall'America all'Europa, gestito dalla 'Ndrangheta e da alcuni appartenenti alle famiglie mafiose di New York. Nel corso di quasi due anni di indagine sono stati sequestrati ingenti quantitativi di cocaina in Europa e America. Il blitz di oggi arriva a sei mesi di distanza dall'operazione 'Columbus', che a maggio scorso ha consentito agli investigatori di scoprire una centrale della 'Ndrangheta nel Queens, a New York, dalla quale veniva gestito il traffico di droga. La cocaina partiva, appunto, dal Costarica nascosta nei container di frutta tropicale, veniva stoccata nei porti americani e successivamente spedita in Italia e in Europa. A maggio furono emessi 13 provvedimenti di fermo dalle autorita' italiane e tre provvedimenti di arresto dal Fbi, tra cui quello nei confronti del titolare del ristorante Gregorio Gigliotti, un calabrese fino ad allora incensurato e ritenuto dagli inquirenti broker della droga a livello mondiale, in stretto contatto con i narcos sudamericani e anello di collegamento tra la cosca degli Alvaro in Italia e gli esponenti della famiglia mafiosa dei Genovese a New York. I dettagli dell'operazione saranno resi noti in una conferenza stampa in programma in questura a Reggio Calabria alle 11, alla presenza dei magistrati inquirenti e dei vertici degli organismi investigativi.