Direttore: Aldo Varano    

REGGIO. Presentazione dell'Horcynus Festival (Mazzeo)

REGGIO. Presentazione dell'Horcynus Festival (Mazzeo)
 

Quattro appuntamenti importanti a Reggio Calabria organizzati dall’Horcynus Festival di cui si è parlato in conferenza stampa in presenza degli organizzatori. Un progetto che sposa più collaborazioni come segno di espansione e condivisione culturale: l’Università Mediterranea, il Circolo del Cinema Charlie Chaplin, l’associazione magistrati AREA e il gruppo musicale “Mattanza”. I primi due eventi  sono previsti per il 10 Novembre: “Premio internazionale di Critica Cinematografica Maurizio il Grande e a seguire il film “Taxi Teheran”e per l’11 Novembre la proiezione del film “Anime Nere” all’Università di Architettura,  illustrati dal Presidente del Circolo Charlie Chaplin Claudio Scarpelli. E’ importante creare una rete tra operatori culturali, sostiene Scarpelli, per offrire al pubblico prodotti di qualità sui cui poter fare anche riflessione. E’ questo infatti l’obiettivo prefissato con entrambe le proiezioni cinematografiche. “Taxi Teheran” è un prodotto particolare dal punto di vista del linguaggio. E’ una rappresentazione “fiction” che si ibrida con la realtà di tutti i giorni e crea spunti di riflessione. Così anche “Anime Nere” un film su cui dibattere immediatamente dopo la visione, insieme all’autore del libro Gioacchino Criaco ,ai giornalisti e all’associazione magistrati AREA. Il Dott. Domenico Santoro ,in rappresentanza di questa, è entusiasta della partecipazione al l’Horcynus Festival. Il confronto è essenziale per ampliare la visione di lavoro, asserisce  Santoro. La collaborazione e l’apertura alla società vanno vissute come momento fondante della capacità di leggere i fenomeni che di regola si affrontano nelle aule di giustizia, con aperture differenti che provengono dai diversi punti di vista. E’ dello stesso avviso il prof. Alberto De Capua che si sofferma sulla sinergia che deve esserci tra l’università e il compito di formare nuove generazioni. I dibattiti e la partecipazione dei giovani è necessaria per il miglioramento nei rapporti con la società civile e l’approfondimento di ogni forma di cultura. Il 12 Novembre ancora un’altra proiezione cinematografica  dal titolo “Segreti di Stato” illustrata dal direttore artistico Massimo Barilla come un esperimento  nuovo che permette al pubblico di fare un viaggio nella scena del crimine avendo a disposizione i documenti. A seguire ci sarà il gruppo Musicale “Mattanza” . Il tema dell’evento è la memoria, spiega Giacomo Farina,  intesa sia come recupero delle tradizioni sia come revisionismo storico della verità. “ In Vita”  come memoria di un popolo che sta attento alle realtà sociali. Si alterneranno sul palco quattro voci diverse anche nel genere musicale.  Mario Lo Cascio sottolinea il lavoro di ricerca del gruppo finalizzato da sempre a dar voce ai problemi della quotidianità e lottare per gli stessi. Chiude il Festival “A-Solo. Studi di assenza in pubblico” giorno 13 Novembre. Appuntamenti tutti da non perdere in una Reggio che scommette sulla cultura e cerca di non perdere mai. 

Daniela Mazzeo