Direttore: Aldo Varano    

LOCRI. Il sindaco di Locri consegna uno scuolabus a Martone per sostituire quello bruciato

LOCRI. Il sindaco di Locri consegna uno scuolabus a Martone per sostituire quello bruciato

Il sindaco di Locri, Giovanni Calabrese, ha consegnato al comune di Martone uno scuolabus per sostituire il mezzo distrutto, nei giorni scorsi, da un incendio doloso e consentire il riavvio del servizio di trasporto dei bambini per le loro attivita' didattiche. La "consegna delle chiavi", tra il sindaco Calabrese e il vice sindaco di Martone, Francesco Ientile, e' avvenuta alla presenza del vescovo di Locri - Gerace, Francesco Oliva, del presidente della commissione antimafia della Regione Calabria, Arturo Bova, del dirigente dell'ufficio scolastico regionale, Diego Bouche', e di una vasta rappresentanza dei primi cittadini dei comuni della vallata del Torbido.

"La locride - ha dichiarato il sindaco Calabrese - continua ad essere colpita da azioni minatorie che vanno a ledere i sani principi che accomunano le cittadinanze che vivono in questa zona. Noi abbiamo deciso di dare un segnale forte e di solidarieta' concreta venendo subito incontro alle esigenze del comune di Martone. Abbiamo provveduto cosi' a rendere immediatamente fruibile uno dei nostri scuolabus permettendo di riprendere celermente il servizio di trasporto per quei bambini e ragazzi che ogni giorno si recano a Gioiosa Jonica per poter studiare. A questi ragazzi e' stato detto che non potevano andare a scuola per via di un atto intimidatorio; oggi agli stessi diciamo, con forza, che possono riprendere la normale attivita' scolastica, frequentando una scuola che deve farli crescere con sani valori e principi proprio per non arrivare mai piu' a tali gesti inqualificabili.

Tutta la locride deve essere unita e compatta di fronte a tali insani gesti che colpiscono l'intero territorio, e non solo una singola comunita'. Noi ci siamo fatti promotori di questa iniziativa dando un sostegno oltre che virtuale anche reale e concreto. Dobbiamo essere tutti uniti come quest'oggi, insieme anche alle Forze dell'ordine e alla magistratura, per spegnere prontamente - conclude il primo cittadino di Locri - questi piccoli focolai di criminalita' che creano disordine ed instabilita' all'interno di un territorio che e' costituito per la maggioranza da brave e laboriose persone". (fonte, il velino)