Direttore: Aldo Varano    

CAPITALEMESSINA sull'aeroporto dello Stretto

CAPITALEMESSINA sull'aeroporto dello Stretto

(rep)

"La recente notizia della revoca della concessione alla SOGAS dell'Aeroporto di Reggio Calabria apre, sicuramente nuovi scenari per il nostro territorio.

La prima reazione spontanea è quella di soddisfazione per l'interruzione di una esperienza gestionale fallimentare, appunto quella della Sogas, che non è stata niente più che un carrozzone clientelare, che ha mortificato le potenzialità dell'aeroporto, occupandosi più di creare occupazione fittizia che opportunità di sviluppo economico per l'area dello stretto.

Negli ultimi anni, infatti, l'aeroporto dello stretto è stato sempre più depotenziato, con la colpevole acquiescenza della classe politica messinese, a vantaggio degli scali di Lamezia e Catania: adesso l'occasione di una nuova gestione, può essere propizia per rilanciare lo scalo reggino.

Perché se di una cosa siamo certi, è che la costruzione dell'Area Metropolitana dello Stretto parte innanzitutto dalla progettualità di un sistema integrato dei trasporti che ha come cardine, appunto, l'Aeroporto dello Stretto.

È necessario, secondo CapitaleMessina, che nel momento in cui l'ENAC bandirà la gara per la concessione del "nostro aeroporto", la classe politica si preoccupi di vigilare affinché nella procedura di gara siano presenti clausole e condizioni per garantire e favorire il territorio e la comunità siciliana, anche perché gli enti locali messinesi con la morte della Sogas non avranno più alcuna possibilità di condizionare la gestione dell'aeroporto in capo al nuovo concessionario scelto da ENAC.

Sia previsto, innanzitutto, un sistema integrato di collegamento tra Messina e l'aeroporto, che deve prevedere la presenza di un terminal con relativo check-in, nel nostro versante, condizione necessaria per rendere realmente "messinese" l'aeroporto dello Stretto.

Si faccia in modo, inoltre, che si pongano in essere tutte le condizioni perché lo scalo reggino possa diventare attrattivo per i vettori aerei, creando i fattori di economicità e le opzioni logistiche che si sono verificate in altre realtà territoriali, risultate poi vincenti.

Crediamo che sia assolutamente necessaria una mobilitazione delle amministrazioni locali del nostro versante regionale, perché, promuovano una riflessione approfondita sul sistema aeroportuale del territorio, sgombrando il campo da ipotesi velleitarie e futuribili di altri aeroporti nella nostra provincia, per concentrare tutti gli sforzi sull'unica realtà già presente e suscettibile di ampi margini di sviluppo.