Direttore: Aldo Varano    

COSENZA. Colpo di scena: il Ncd dei Gentile resta con Paolini. Il Csx si spacca. Però.. di A. VARANO

COSENZA. Colpo di scena: il Ncd dei Gentile resta con Paolini. Il Csx si spacca. Però.. di A. VARANO
IGentileIl colpo di scena s’è consumato nella giornata di ieri e s’è prolungato fino ad alba inoltrata del 2 maggio. Il Ncd dei Gentile resta con Paolini e il Pse. La manovra per riconquistare l’intera area attorno alla candidatura di Guccione è sbandata all’ultima curva nonostante il summit del Museo dei Bronzi di Riace. I candidati alle elezioni cosentine che si richiamano alla sinistra saranno due: Guccione e Paolini. E il Ncd dei Gentile sarà con Paolini. La storia, che consentì a Occhiuto di vincere si ripete: la sinistra corre con due candidati.

Per tutta la notte telefonate a perdere in Calabria e tra la Calabria e Roma. Prima per tentare di ricucire tutta l’area del Csx. Dopo per prendere atto della ormai sua inevitabile spaccatura cercando di attenuare il più possibile i danni. “Le cose erano andate troppo avanti. A questo punto è troppo difficile cambiere”, è la frase che più è stata pronunciata. Le versioni, a parlare coi protagonisti della lunga nottata, cambiano perché, come sempre accade, le verità su com’è andata sono tante e ognuno crede sia vera soltanto la sua.

Sullo sfondo un paradosso. Ci sono state frizioni, più percepite che vissute, nell’ambito del blocco più ristretto dei Gentile e forse per la prima volta, se in famiglia non c’è certo stata una rottura, sono state necessarie lunghe discussioni, non soltanto tra Pino e Tonino, con scricchiolii e incomprensioni.

Ma alla fine sul campo è rimasto uno straordinario paradosso. Quello per cui comunque andranno le elezioni ai Gentile andrà bene. Se lo scontro fosse stato a due con uno che vince e uno che perde, il Ncd si sarebbe potuto trovare nel posto sbagliato e la vittoria di Occhiuto, in questo caso, avrebbe confermato che aveva fatto bene a mandar via la figlia e nipote dei Gentile.

Uno scontro a tre, invece, facilita il ballottaggio. Se è più avanti Paolini, i Gentile sono della partita fin da subito. Se è invece Guccione, dopo qualche minuto, daranno l’indicazione di votarlo entrando, sia pure in seconda battuta (che è sempre meglio di niente) tra i vincitori (alva)