L’INTERVENTO. Io e Matteo Renzi

L’INTERVENTO. Io e Matteo Renzi

matteoR

Il presente è la più fragile tra le strutture improbabili. Poteva essere diverso. In qualunque sua parte, come nel suo complesso, poteva costituirsi altrimenti. Il che vale per i massimi sistemi e per le piccolissime cose. Ian McEwan, Macchine come me, Einaudi

Negli anni del suo governo, ne ho apprezzato alcune scelte, meno altre. Mi è piaciuto il braccio che ha messo sulle spalle di un ragazzo di Nisida che raccontava di quanto avesse contato, nel suo cambiamento, il perdono avuto dalla moglie dell’uomo che aveva assassinato. Soprattutto, il fatto che abbia cercato di nascondere, come gli stava succedendo, che si stava commuovendo davvero. Mi è sembrato andare verso il disastro con il modo in cui ha condotto la battaglia (per me giusta, anche se con alcune perplessità) sul referendum.

Sono diventata renziana il giorno dopo la sconfitta alle elezioni del 2018, quando disse: Mai coi 5 stelle. Ho considerato una scelta molto scivolosa, e, insieme, una mossa geniale, l’inversione che ha portato all’attuale governo, tutt’altro che perfetto, con personaggi molto discutibili, ma che, per molte ragioni, è una “liberazione”, rispetto al precedente.

Ora – attesa, annunciata, negata, serpeggiante da sempre – arriva la sua uscita dal Pd.

È una di quelle mosse – come insegnano tante esperienze storiche – che rischia di essere perdente.

È un pericolo serio, non per lui (il paese se ne farebbe facilmente una ragione), ma per il complessivo sistema politico italiano, per le ragioni di un solido riformismo, capace di essere, a seconda dei risultati elettorali; forza di governo e opposizione costruttiva.

Oppure sarà un errore felice, una sorta di unicum, che riaprirà ad una visione di futuro ampia.

E poiché l’appartenenza, o, comunque, lo schierarsi politico è affare di viscere, oltre che di cuore e di testa, nel rimestio di sentimenti d’una ferita ripestata (il Pd amalgama mai riuscito di un nuovo riformismo, anchilosato in correnti, autoreferenziale, con molti personaggi, parlo del Sud che conosco meglio, deplorevoli), il battito di fondo è un augurio.

Che l’azzardo di oggi, nel tempo, sorprenda: come una possibile strada nuova.