L’INTERVENTO. Calabria, la salute occupi il centro delle decisioni politiche

L’INTERVENTO. Calabria, la salute occupi il centro delle decisioni politiche

sanit

In questa breve, ma importante campagna elettorale per il futuro della nostra Regione la sanità, a nostro parere, deve rivestire un ruolo centrale. Infatti la tutela della salute è trasversale a molti settori poiché tra i determinanti di salute abbiamo l’ambiente, il lavoro, le diseguaglianze sociali, le periferie luoghi del disagio e della emarginazione, insomma si fa prevenzione anche e soprattutto con città a misura d'uomo dove la bellezza della nostra Calabria deve integrarsi con trasporti efficienti,  asili nido pubblici numerosi, scuole sicure e accoglienti, città pulite, acqua potabile (a Reggio da un anno è in vigore una ordinanza sindacale che ha dichiarato, in gran parte della città, la non potabilità).

Pertanto, è fondamentale mettere la Salute al centro di tutte le decisioni politiche non solo sanitarie, ma anche industriali, sociali, economiche e fiscali soprattutto in una regione sempre più marginale. Infatti nell'ultimo decennio vi è stato un decremento della popolazione che si è ridotta a 1.965.128 di residenti, il tasso di fecondità, in Calabria, è pari a 1,29 a differenza della media nazionale, già bassa, che è pari all'1,34  l’aspettativa di vita in buona salute dei calabresi è di 52 anni contro l'aspettativa degli abitanti della provincia di Bolzano che è di 69 anni!

La filiera della salute in Italia vale il 10% degli occupati e il 10,7% del PIL, in Calabria in questo ultimo ventennio le nostre classi dirigenti hanno deciso di non utilizzare i Fondi per l'Edilizia Sanitaria e per l'acquisto di Tecnologie Medicali per oltre "1 Miliardo" di euro. Basta ricordare "L'Accordo di Programma integrativo per quattro nuovi ospedali" che è del 2007 o i finanziamenti europei per costruire le Case della salute, finalizzati nove anni fa, che, con il trascorrere degli anni, sono diminuiti, o i 14.460.793,17 milioni di euro per la messa a norma del Presidio Ospedaliero di Locri che nel lontano 1998 con delibera CIPE n° 52 il Governo Centrale finalizzava.

Un Servizio Sanitario Regionale efficiente non garantisce soltanto l'attuazione dei Livelli Essenziali di Assistenza e il rispetto dell'articolo 32 della nostra Costituzione, ma anche lavoro qualificato, le Regioni del Nord lo hanno capito da tempo non solo con la mobilità attiva (Lombardia 804.589.602 milioni di euro/anno), ma investendo in Servizi Territoriali, il Veneto cura a domicilio 181.283 anziani investendo adeguati fondi che occupano migliaia di operatori.  Il presente, con oltre il  20% di ricoveri di calabresi fuori regione (350 milioni di euro di mobilità passiva), necessita di immediate e innovative risposte organizzative del Servizio Sanitario Regionale che valorizzi il personale sanitario che opera nella Rete Ospedaliera e riscopra il ruolo virtuoso della Medicina Distrettuale con le Strutture Sanitarie Territoriali Intermedie che , come Comunità Competente, abbiamo descritto nel Documento "Linee Guida Per una Riforma della Sanità in Calabria" condiviso da 27 Associazioni, Fondazioni, Sindacati e singoli cittadini.

Chiediamo ai candidati Governatori un confronto per invertire la tendenza che vede la Calabria ultima per saldo pro-capite negativo (144 euro) per mobilità passiva, perché dietro questi aridi numeri ci sono calabresi sofferenti che, inoltre, sono costretti a pagare per le spese di viaggio, vitto e alloggio oltre 40 milioni di euro all'anno.

Chiediamo l'attuazione del" Piano Nazionale della Cronicità" perché, oggi, i nostri anziani, con le loro pensioni, devono decidere se curarsi o mangiare; noi proponiamo la presa in carico di questi pazienti da parte di aggregazioni multiprofessionali (UCCP) integrate, centrate sulle cure territoriali e domiciliari post-dimissioni, incrementando, inoltre, l'ADI con cui oggi sono assistiti nella nostra Regione solo 10.529 anziani.

Chiediamo la partecipazione nelle scelte organizzative e la trasparenza nelle attività gestionali secondo le normative vigenti.

Chiediamo di integrare la Sanità con il Socio-Sanitario per offrire Servizi globali ai cittadini.

Chiediamo la creazione di una Rete Regionale per le Demenze la cui incidenza in Calabria di casi attesi supera i 28.000, il cui obiettivo principale è quello della presa in carico globale e continuativa del paziente e della sua famiglia tramite servizi sanitari integrati con la Rete sociale.

Chiediamo un forte impegno istituzionale per garantire il protagonismo delle donne nel Progetto Obiettivo Materno-Infantile affinchè lo storico e superato modello paternalistico lasci il posto alla partecipazione e all'empowerment ben presente nel "POMI".

Non chiediamo la luna, ma un confronto pacato e ragionato che definisca, per il futuro Governatore, precisi impegni nel settore che dovrebbe tutelare la salute dei calabresi rimanendo nella loro regione, assistiti  da un Sistema efficiente e sostenuti dall'amore dei propri cari. Corrado Alvaro scriveva che:" Il calabrese vuole essere parlato", io, aggiungerei :" guardando negli occhi il suo interlocutore".

Attendiamo fiduciosi una risposta.

*Il portavoce de La Comunità Competente