L'ANALISI. La Calabria ruminante e passiva

L'ANALISI. La Calabria ruminante e passiva
Ho aspettato un po’, forse troppo, per scrivere di una cosa che avevo ascoltato in diretta sin dai primi d’agosto e che poi ho, piu’ o meno ritrovato identica ma su pagina scritta alcune settimane dopo: parlo della pensata di Mimmo Cersosimo, docente dell’ Unical (e non solo)
sulla Calabria. Ho atteso perche’ mi sembrava (ed ancora oggi in parte mi sembra) un quadro dipinto a tinte fosche, forse troppo fosche, con le tante maglie nere collezionate dalla Calabria ma che poi alla fine disegna uno sviluppo possibile.

I guai della sanità, il tasso di disoccupazione, i giovani che scelgono di vivere e lavorare lontano dalla loro terra, la pressione della criminalità organizzata. Una societa’ definita da
Cersosimo «ruminante, adattiva, ma soggetta ad una modernizzazione passiva». In una parola «estrema».

Andiamo a rileggere il saggio scritto per il Mulino “Calabria, l’Italia estrema“: Cersosimo si sofferma sui mali di una regione «dove la somma delle patologie nazionali si raccolgono». E poi ci sono i soliti stereotipi. La ‘ndrangheta genera altra ‘ndrangheta? «C’è una narrazione negativa sulla Calabria: terra degli ultimi, maledetta, di ‘ndrangheta, di scansa fatiche, di illegalità, di evasione fiscale. Siamo entrati in un meccanismo perverso dove se evadi quasi quasi ti seguo, se tendi a sopraffare le idee altrui lo fanno anche gli altri, quindi lo stereotipo alimenta lo stereotipo e alcune volte quando succede la realtà si avvicina molto allo stereotipo».

Chi è, o chi sono, i colpevoli di questo inesorabile declino? «Le colpe sono tante, soprattutto di alcune politiche. Il liberismo ha mortificato e marginalizzato le aree più lontane dal centro», dice Cersosimo che poi ammette: «anche i calabresi hanno le loro colpe, in qualche modo si sono assuefatti adattandosi a questo status quo, c’è una sorta di convenienza al non sviluppo, una convenienza sociale diffusa». Cosa si può fare? «Si potrebbe fare molto, è difficile che le forze interne riescano a risolvere e superare il problema. C’è bisogno di un
destabilizzatore esterno.Qualcuno che ha interesse a rompere questo equilibrio, ad interrompere il sottosviluppo ma non siamo noi, deve essere qualcuno esterno».

Ad esempio? Forse lo Stato o l’Europa, sicuramente noi non ce la facciamo da soli». Magari gli studenti dell’Unical e delle altre Università calabresi. «Da soli non ce la fanno, molti vanno via. I migliori spesso tendono ad andare via, quindi c’è una sorta di exit, c’è
l’abbandono e molte energie sane – quelle che potrebbero contribuire al cambiamento – mollano la Calabria e svanisce qualsiasi possibilità di cambiare le cose». La Calabria è dunque perduta? È destinata a svuotarsi come indicano le proiezioni statistiche? Resterà lontana e impenetrabile, nonostante la sua bellezza variopinta, che Leonida Repaci descrisse a futura memoria? Continueremo, noi che ci abitiamo, a ignorarne i dati e fatti crudi, a esorcizzarli, per esempio, con il ricordo stucchevole e inattuale dell’antica scuola pitagorica?
Per quanto tempo potremo ancora sottovalutare le storture e le risorse in ombra di questa regione? A chi gioverà nascondere le nostre colpe, in perpetua malafede, dietro al mostro, al mito della ’ndrangheta? Sono domande in cerca di risposte.

Alcune settimane fa di tutto cio’ se ne è poi parlato all’Unical, all’interno di un seminario proprio sul saggio di Cersosimo e l’economista e’ andato ancora piu’ giu’: la Calabria ha un disperato bisogno di «liberarsi dalle edulcorazioni retoriche: la tipicità senza tipico, i borghi senza comunità, i paesi appesi sul mare senza acqua nei rubinetti delle case, l’accoglienza senza ospedali umanizzati». Conclusione: Cersosimo ha ragione nel quadro d’assieme.
Pessimista? Semplicemente realista?

Ma il punto e’ ragionare su come fare: dove può andare la Calabria con tali limitazioni? Non è giunto il momento di dirci la verità, di svecchiare ad esempio – tanto per dirne una - i reparti amministrativi, di reclutare risorse giovani, che sono il leitmotiv di tanta retorica politica? Non c’è bisogno, nel settore amministrativo pubblico della Calabria, nei Comuni e altrove, di formazione adeguata ai tempi e di una capillare verifica dei risultati?
Cambierebbero le cose? Forse ma e’ l’unica strada. Il resto sta nei calabresi stessi, se sapranno mettere in rete le cose buone e respingere quelle cattive. Una botta di vitalita’ in un mare di guai e’ quello che ci vorrebbe.
  • INTERVENTI. Il «fascismo atlantico» di Luciano Canfora come nuova categoria storica

    GIUSEPPE TRIPODI
    Il fascismo, nella sua ormai ultrasecolare esistenza, è stato oggetto di una grande quantità di definizioni; alcune, dovute agli intelletti più lungimiranti, nascevano dalla pratica della violenza che sin dall’inizio fu la cifra fondamentale delle…
  • LA RECENSIONE. Una luce abbondante, Sonia Serazzi, Rubbettino

    MARIA FRANCO
    Francabbù ha dovuto imparare presto «a sbrigare quasi tutto da sola: faccio bollire la pasta per tre; stendo i panni appena vedo il sole; spazzo i pavimenti; apparecchio e sparecchio; mi cambio i vestiti quando è necessario; mi taglio le unghie cortissime;…
  • L'INTERVENTO. Quella analisi di Alvaro con cui la Calabria non ha ancora fatto i conti

    MARCELLO FURRIOLO
    Ha ragione Filippo Veltri a riprendere un illuminante articolo di Corrado Alvaro del 5 ottobre 1955, pochi mesi prima di morire, scritto sul primo numero dell’Espresso formato giornale, già recuperato dall’amico Aldo Varano nel prezioso archivio dei suoi…
  • GLI INTERVENTI. Una scuola per amico

    L Alfieri, A Cantaro, F Losurdo
    Sviluppo umano Vivere la Costituzione, la Scuola di fuoricollana e Itinerari e incontri. Il "Manifesto" scritto da Luigi Alfieri, Antonio Cantaro e Federico Losurdo. Faremo quello che potremo, arriveremo dove potremo arrivare, con tutti quelli che vorranno…
  • L'ANALISI. La lunga fatica per avvicinare Pd e Cinquestelle

    ISAIA SALES
    Nelle elezioni del 2013 il Pd era stato uno dei principali bersagli delle invettive dei Cinquestelle e considerato, allo stesso modo di Berlusconi, una delle cause dei disastri del Paese. L’odio politico era ampiamente ricambiato dal gruppo dirigente del Pd…
  • ARCHIVIO. Armando Veneto, ora assolto da tutte le infamie

    ALDO VARANO
    UNO. Avevamo tutti la stessa opinione. “Quello è un avvocato di ‘ndrangheta”. Giornalisti che facevano i corrispondenti dalla Calabria per qualche giornale importante di Roma o Milano. Inviati dei grandi quotidiani e settimanali che arrivavano qui per…
  • DIBATTITI. La Strada l'1 marzo incontro sul Ponte non praticabile

    ZoomSud
    Venerdì 1 marzo ore 16.00 incontro pubblico “Ponte non praticabile” presso aula consiglio comunale di Palazzo San Giorgio - Reggio Calabria Venerdì 1 marzo dalle ore 16.00 presso l’aula del Consiglio Comunale di Reggio Calabria, a Palazzo San Giorgio, si…
  • POLITICA. Lo stato di salute della Costituzione

    ANTONIO CANTARO
    Un chiarimento è doveroso. Perché inaugurare una Scuola di educazione alla politica in un seminario sullo Stato della Costituzione che ha tra i suoi protagonisti tre autorevoli giuristi e filosofi e tre loro recenti saggi? Innanzitutto, perché c’è più di un…
  • ARCHIVIO. Operazione Aspromonte. Psicologia della macchia*

    CORRADO ALVARO
    Sui casi di Calabria abbiamo domandato a Corrado Alvaro, scrittore calabrese che trae la sua ispirazione prevalentemente dal paese in cui nacque, questa nota sulle condizioni in cui si sono venuti a trovare i contadini e i pastori dell’Aspromonte in seguito…
  • DIBATTITI. Spazio Open: oggi Melia e Veltri e i loro libri sui sequestri di persona

    ZoomSud
    OGGI Giovedì 29 febbraio alle ore 18 presso Spazio Open in via Filippini a Reggio Calabria l’ incontro con i giornalisti Pietro Melia e Filippo Veltri e la presentazione dei loro libri inchiesta editi dalla casa editrice Città del Sole, sul tema dei sequestri…
  • La scuola e la Giornata della Memoria. Perché non accada mai più

    GUIDO LEONE*
    Ricordare perché questo non accada più. Questo è la finalità insita nella legge dello Stato n.211 del 20 luglio 2000 che riconosce il giorno 27 gennaio, data dell’abbattimento dei cancelli di Auschwitz, ”Giorno della Memoria”, al fine di ricordare la Shoah…
  • UNICAL, UN ESEMPIO PER TUTTA LA CALABRIA

    FIIPPO VELTRI
    Sono anni che andiamo scrivendo che le sole due cose che davvero hanno funzionato dalle nostre parti negli ultimi decenni sono il porto di Gioia Tauro e l’Università della Calabria. I record che raggiunge lo scalo di Gioia, nonostante i tanti problemi a…
  • Epitaffio per Georges Drettas, linguista (Parigi 1945-Creteil 2023)

    GIUSEPPE TRIPODI
    Ho conosciuto Georges Drettas a Melito P.S. verso la metà degli anni Ottanta del Novecento, di estate: abitava nella casa di Maria Minicuci che faceva angolo tra via Matteotti e via Roma. Lei (profilo su Wikipedia) era allieva e collaboratrice di L.M.…
  • L'ANALISI. L'Autonomia differenziata rende ufficiale la disuguaglianza tra Nord e Sud dell'Italia

    ISAIA SALES
    Nell’aprile del 1984 fu registrato a Varese l’atto notarile con cui nasceva la Lega Autonomista Lombarda, che poi assumerà il nome di Lega nord. Il partito fondato da Umberto Bossi (e guidato oggi da Matteo Salvini) è, quindi, il più longevo tra tutti quelli…
  • QUATTRO. Il Commissario Montalbano: Sironi, Zingaretti e Tavarelli

    FRANCESCO RUSSO*
    A ridosso dell’inizio del XXI secolo, comincia ad essere prodotta una nuova serie tv, con la caratteristica però di avere tutti episodi indipendenti e conclusi in una puntata. Il fenomeno Montalbano aveva avuto inizio qualche anno prima. Nel 1994 veniva…