COM'ERAVAMO IN CALABRIA. I nostri dolci di Natale

COM'ERAVAMO IN CALABRIA. I nostri dolci di Natale
A Reggio e dintorni si chiamano “petràli”, in altre zone della Calabria non so, ma nell’Alto Jonio Reggino li chiamiamo “pitti ’i San Martinu”, anche se non sono focacce e non si sa cosa c’entri il Santo. Comunque, la loro preparazione tradizionale iniziava… in piena estate! Sì, perché bisognava scegliere i fichi migliori, aprirli per il lungo e metterli a
seccare al sole, ben protetti da un velo contro le visite di insetti golosi. 

In settembre, si preparavano i “pàssuli”, selezionando dei grappoli di uva bianca dai grossi acini, scottandoli in acqua bollente e mettendoli ad asciugare al sole. Appena vendemmiato, si faceva il “vinu cottu”, mettendo a bollire a lungo del mosto, buonissimo poi anche per la “scirubetta”, la granita che si preparava con la prima neve!

Intanto, era giunta l’ora di accordarsi con qualche contadino perché mettesse da parte le noci migliori, molte noci, perché “si devono sentire in bocca!” - diceva la nonna.

Dopo la Festa dell’Immacolata, si iniziava a preparare la “pasta”, che non era la sfoglia, ma la farcia. Innanzitutto, andavano tolti i semi dagli acini dei “pàssuli”, un compito noiosissimo da far svolgere ai bambini, ma sotto stretta
sorveglianza, altrimenti ne sarebbero rimasti pochini… Dopo, si tagliavano a pezzi piccoli i fichi secchi e più grossi le noci, “pecchí sutt’e denti ‘nd’hannu ‘u si sentunu!”- diceva la nonna.

Nel frattempo, erano giunti a maturazione i nostri mandarini ed alcune - profumatissime! - bucce, finemente tritate, andavano assolutamente aggiunte alla frutta secca, aromatizzata con “vinu cottu”, poi con cannella e chiodi di
garofano: gli unici due ingredienti non di produzione locale. L’impasto veniva lasciato riposare alcuni giorni, mescolandolo di tanto in tanto; poi si preparava la sfoglia con farina, zucchero ed uova, la si stendeva sottile e sopra si spalmava la farcia.

Le “pitte” potevano essere aperte, tipo crostatine, oppure chiuse come un calzone, sulla cui superficie si intagliavano delle aperture. Poi si cospargevano di codetta e si cuocevano nel forno a legna. Per molti anni, ricordo quantità industriali di “pitti” in casa. Tra quelle preparate da ogni famiglia - non farlo era un brutto segno: di lutto o di qualche
grave malattia - e quelle regalate da vicini e parenti (lo scambio era d’obbligo!) noi bambini ci facevamo ogni giorno colazione, pranzo, merenda e cena. Ciononostante, poco ci mancava che durassero fino alla Candelora che, secondo la Chiesa Cattolica, sancisce la chiusura del periodo natalizio!

Oggi questi dolci si possono acquistare praticamente in ogni periodo dell’anno; la preparazione varia, c’è chi all’impasto aggiunge caffè, cacao, mandorle, ma a me piace ricordare la nostra ricetta tradizionale che aveva il sapore di un rito, faceva partire l’Avvento in piena estate e rendeva i Natali della gente semplice e laboriosa quale eravamo davvero magici!
  • LA RECENSIONE. "Passato e presente. Quante storie..." di Michele Belcastro

    PIERGIORGIO IANNACCARO e FILIPPO VELTRI
    Qualche settimana fa siamo stati ospiti di un gruppo di uomini e donne che percorrono con i loro cammini le terre alte e coltivano la passione per la cultura di montagna. Si è parlato del Monte Gariglione e delle sue foreste, resi celebri già un secolo fa da…
  • Regionalismo e autonomia differenziata: quella voglia di perdersi dell’Italia

    ISAIA SALES
    Nel 2014 Giorgia Meloni presentò una proposta di legge di abolizione delle regioni. Nel 2017 Fratelli d’Italia in Lombardia invitò a votare no al referendum indetto dalla regione guidata da Roberto Maroni per strappare maggiori poteri allo Stato centrale.…
  • LA RECENSIONE. Passato e presente Quante storie, Michele Belcastro. Pubblisfera Edizioni

    PAOLO VELTRI
    Non è facile trovare nelle librerie il magnifico libro di Michele Belcastro, non più giovane silano di SanGiovanni in Fiore. Per sua libera scelta ha deciso che lo si può acquistare solo nella Sila Piccola, al puntoristoro al bivio che avvia verso Villaggio…
  • ANALISI. Tutti i dati concordano: il Regionalismo è stato un disastro

    ISAIA SALES
    Nelle ultime elezioni regionali in Basilicata ha votato meno del 50% degli aventi diritto. In Abruzzo il 52,2% e in Sardegna il 52,4%. Partecipazione ancora più bassa si è registrata nel 2023 nelle regionali del Lazio (il 37,20%) mentre nello stesso anno si…
  • ANALISI. La Guerra all'umano

    FUORICOLLANA
    C’è una lezione negli avvenimenti spaventosi di queste settimane. Gli errori si pagano, prima o poi. Anche quando in realtà sono crimini. Crimini contro la vita, come cantava Pierangelo Bertoli. Da quarant’anni non si fa altro: contro la natura e l’ambiente;…
  • IL SAGGIO. Alfabeto delle mafie

    ISAIA SALES
    Q come questione meridionale e questione mafiosa.Quando si parla del rapporto stretto tra questione meridionale e questione mafiosa si dice una cosa ovvia e al tempo stesso si manifesta un possibile pregiudizio, che cioè le mafie sono solo il frutto della…
  • L'INTERVENTO La lezione di Canfora su fascismo e democrazia

    FIIPPO VELTRI
    Non si sono ancora spenti gli echi delle manifestazioni del 25 aprile, e prima ancora quelli del caso Scurati, che sul problema fascismo-antifascismo sempre a lui bisogna tornare per cercare di capirne di più, cioè al professorone barese che sul tema si è…
  • GIOIA TAURO. Il libro di Soriero sul porto e l’intervento di Prodi

    ZOOMSUD
    Il libro di Giuseppe Soriero, “Andata in porto”, presentato durante il Festival Euromediterraneo dell’Economia a Napoli, assume una rilevanza particolare, perché coincide con un momento storico caratterizzato da molte tensioni e una forte instabilità…
  • ANALISI. Il Sud, le sue montagne, e la Restanza

    PIERGIORGIO IANNACCARO
    “Un Mondo a parte” è un film che, con i gradevoli toni della commedia, racconta la storia di un maestro che insegna nella periferia romana. La frustrazione professionale lo induce a chiedere e a ottenere l’assegnazione provvisoria nella scuola elementare di…
  • ANALISI. Il trasformismo salviniano che dal Sud ha affondato la Lega Nord in Italia

    ISAIA SALES
    Il più originale esempio di trasformismo della storia italiana recente l’ha indubbiamente prodotto la Lega di Matteo Salvini: la conquista elettorale del Sud da parte di un partito visceralmente nordista, provando a far credere ai meridionali che la Lega di…
  • Appunti per una storia di fruscio e primiera

    GIUSEPPE TRIPODI
    FRUSCIO E PRIMIERA DA CARDANO A «OGA E MAGOGA», DI GIUSEPPE OCCHIATO Tutta l’età di un uomo intera interaSe la fusse ben quella di TitoneNon bastarebbe a dir della primiera(F. Berni)In Primaria pacta quaedam habentur communia:… Non licet quicquam e ludo…
  • L'INTERVENTO. Il Pd e i Cacicchi, metafora di un partito irrisolto

    FILIPPO VELTRI
    ..Guai a voi, scribi e farisei ipocriti, che rassomigliate a sepolcri imbiancati: essi all'esterno sono belli a vedersi, ma dentro sono pieni di ossa di morti ….(Vangelo di Matteo 23, 13-23)Sono passati quasi 20 anni, 19 per l’esattezza. Il PD non c’era…
  • ARCHIVIO. Un matrimonio in Calabria

    ADELE CAMBRIA
    (Dal nostro inviato speciale), CATANZARO, agosto. Ho visto il matrimonio di Leotta Salvatore di anni ventotto, pescatore, e di Spadeo Assunta, di anni diciotto, casalinga, nella chiesa non finita di Soverato sullo Jonio. Ma quando mai una costruzione in…
  • L'INTERVENTO. Le Regioni? Un acceleratore di disunità e di crisi

    ISAIA SALES
    Nelle ultime elezioni regionali in Basilicata ha votato meno del 50% degli aventi diritto. In Abruzzo il 52,2% e in Sardegna il 52,4%. Partecipazione ancora più bassa si è registrata nel 2023 nelle regionali del Lazio (il 37,20%) mentre nello stesso anno si…
  • IL MONOLOGO. La statura delle donne

    IDA NUCERA
    Si dice che l' apparenza inganni sulla reale essenza delle cose. Una di esse è la statura delle persone, spesso svalutata. Per ragioni molto diverse, il teatro è uno di quei luoghi dell'anima in cui può ancor di più crearsi questo fraintendimento. Quando le…