LA RECENSIONE. Canti del popolo reggino, Mario Mandalari, Napoli 1881

LA RECENSIONE. Canti del popolo reggino, Mario Mandalari, Napoli 1881

canti

Mario Mandalari, in Canti del popolo reggino (Napoli 1881), pubblica dieci canti provenienti da San Roberto, comune aspromontano che allora faceva parte del mandamento di Villa San Giovanni.
Ne abbiamo scelto due tra le più significative:
I
La prima è una canzone di corteggiamento alquanto spinta in cui il «masculu», con la scusa di insegnare qualche canzone alla ragazza, in realtà finisce per proporle di farlo coricare assieme a lei, anche in un angolino («pizzu», da cui l'espressione modale «a mpizzu a mpizzu»), magari ai piedi del letto (una volta, infatti, era uso delle famiglie povere e numerose di far coricare i figli a due a due nel giaciglio, «unu d'a testa e unu d'i pedi»); da lì l'ospite si propone di affiancarsi a lei (a lu capizzu, dal latino capitium che ha a che fare con la testa, caput, come lo spagnolo cabeza e i suoi derivati) per poi, come la serpe, imbucarsi in ogni «purtusu» (dal latino per-tundere, forare, come il francese pertuis) che trova nel corpo di lei.

Rilevante dal punto di vista lessicale «e ti li mbizzu» del verso 2: il verbo è «mbizzari» e deriva dal latino vitium e significa imparare e, come l'italiano «vezzo», «educazione acquisita» e non sempre positiva: malu mbizzatu, maleducato, anche dal punto di vista alimentare. E citiamo pure una tiritera che ha a che fare con la carne di maiale e l'alimentazione: saddizzu malu ti mbizzu, suppizzata mala mparata, capicoddhu na scorcia di coddhu (un gran ceffone).    

Sacciu canzuni e non sacciu cantari,
vegnu ndi tia figghiola e ti li mbizzu:
basta mi mi dassi a mmia curcari,
o ppuru mi mi dassi a mpizzu a mpizzu.
Ch'eu si mi pozzu vutari e girari,
di li pedi cunchiudu a lu capizzu.
Poi fazzu comu serpi a li sipali,
c'undi viju purtusa  ddà mi mpizzu.

II
L'aggettivo sciabbacotu del primo verso basterebbe da solo a giustificare la riproduzione di questa canzone: vine da sciabbica, arabo šabaka, rete da pesca, che veniva tirata da terra da marinai disposti ai due capi mediante una collana a tracolla (tuttu lu jornu tira la cuddana) legata alla rete.

L'aggettivo finì per trascendere il gergo marinaro e per significare anche «persona allegra», di compagnia; così penetrò anche nei paesi collinari o di montagna come San Roberto.
Ma qui si sottolinea il lungo lavoro («tuttu lu jornu») e il poco guadagno: neanche un carlino al giorno per la famiglia e qualche «granu», al massimo due («ddu grana» dell'ultimo verso), sottomultiplo di rame del «carlino» (valeva una decima parte) che nell'immaginario locale valeva appena più di un ubriacone («omu di vinu / no vali un carrinu»).   

Aju a mme' maritu sciabbacotu,
tuttu lu jornu tira la cuddana,
la sira si ricogghi cotu cotu
«Japri, mugghieri mia, chi tramuntana!
Ma di dinari ti ndi portu pocu,
ti portu nu carrinu mancu grana.
Nda la sacchetta nd'aju n'atru pocu,
non sacciu si ssi giustanu ddu grana.

La canzone non è originale e D'Ancona, nella tavola recante il Raffronto fra i canti popolari calabro-reggini ed i siciliani che chiude la sua prefazione, ne indica (p. XXIV) l'ascendente in una canzone di Cefalù censita da Giuseppe Pitrè al n. 531 della sua raccolta (Canti popolari siciliani raccolti e illustrati, Palermo, Luigi Perone Lauriel Editore, 1870, p. 388-389)     

Hè a mè maritu ca è sciabbicotu,
Ca notti e jornu sta 'nta la tunnara;
Stasira si nni veni còtu còtu
- Apri, muggheri mia, ch'è tramontana.
Si vò' dinari, cci nn'è 'napocu, '
'Un sacciu si cci arrivanu a tri grana;
'N l'atru vurzottu cci nn'è 'n'àtru pocu:
Cc'eni un carrinu mancu novi grana.

Pitré inquadra la canzone di Cefalù nel motteggio che gli abitanti di alcune contrade (Albergheria, Brancaccio, etc..) di Palermo fanno nei confronti di quelli del quartiere Kalsa, in prevalenza pescatori  «che nella loro povertà sono proverbiali per grossolanità di cervello» (p. 389); in nota, poi,  traduce «còtu còtu» con «quatto quatto»; forse la traduzione è inesatta perché «còtu» infatti viene da «corto», piccolo di statura.

Qua «còtu» significa che il pescatore era piccolo e, se non era, lo diventava per via dello scarso salario che portava a casa; «quatto quatto» potrebbe andar bene sotto questo rispetto (cioè, portando pochi soldi uno cerca di entrare in casa senza farsi notare) ma mal si collega con la narrazione precedente ove il povero pescatore per entrare ih casa ha dovuto annunciarsi.

Nella Calabria di un tempo c'era «ri-cotu»  con lo stesso significato: una vacca «ricota» era un animale non grande di stazza ma resistente al lavoro; un uomo «ricotu» e, mai per ingiuria, una donna «ricota» sono conformati in modo brevilineo ma proporzionati.