BOVA e il canto di «spartenza» (divagazioni para-linguistiche)

BOVA e il canto di «spartenza» (divagazioni para-linguistiche)

bova

Cu ndi voli canzuni nci ndi dugnu
D'amuri, ngelusia, spartenza e sdegnu.
(canto popolare calabro-siculo)

Il sostantivo greco σлόϱος (spòros), derivato da σлείϱω (speiro), indica l’azione del seminare. Da esso deriva il verbo calabrese spertiari, disperdere attivamente (fici nu mulu cu so cugnàta, lu portàu a lu baliàggiu e lu spertiàu, fece un figlio illegittimo con la sorella della moglie, lo portò all’orfanatrofio e lo ha disperso) e il participio  spertu, solitario, disseminato, legato per sintagma a mundu nelle espressioni: mi ndi vògghiu jri o dassatimi jri spertu pe lu mundu o nella maledizione: vàtindi spertu pe lu mundu comu jiu la me prima cammiscia, vattene in solitudine per il mondo e distruggiti come è andata distrutta la mia prima camicia.

Dunque un lemmario che rimanda alla solitudine, perché come chi va spertu pe’ lu mundu si separa dai parenti e dagli amici per andare in luoghi selvaggi, così il seme spertu in mezzo alle rocce (eis pétras te kaì lìthous speìrein) si separa dagli altri che stanno assieme e vicini nel campo seminato: “I protagonisti di molte fiabe … lasciano la casa e se ne vanno ‘spersi per il mondo’  perché costretti dalla malasorte, dalle condizioni di miseria e dal bisogno e perché cercano di cambiare il loro stato. E questa paura, desiderio, necessità di essere ‘sperso nel mondo’ appaiono metafora di un popolo in fuga. Il ‘calabrese errante’, …, ha una potenza di immagine evocativa pari, forse, soltanto a quella dell’‘ebreo errante’ (Vito Teti, Terra inquieta, Soveria Mannelli, Rubbettino 2015, p. 18). 

Oltre che bisognosi, gli «sperti pe' lu mundu» sono anche persone in qualche modo fragili (orfani, mariti cornuti, paralitici, etc.) e, proprio perciò, più esposti ad essere «disseminati nel mondo, sradicati», avrebbe detto Heidegger. 

L’aggettivo spertu e il verbo spartìri, dividere, dividersi, separarsi dolorosamente (si spartìru, detto di coniugi separati) nonché il sostantivo spartènza, sono parole dure che indicano una condizione di dolore temuto come irreversibile (ohi chi spartènza, chi spartènza amara / mi ndi spartìmu nu dui vinni l’ura, o che distacco, che distacco doloroso / è giunto il tempo della nostra separazione) e rimandano dunque alla erranza, alla seminagione andata male.

La spartenza di tutte le spartenze, quella in cui furono coinvolti milioni di meridionali e centinaia di migliaia di calabresi, fu senza dubbio l'emigrazione.

Il migliore canto di «spartenza» migratoria l'ha raccolto Otello Profazio (La storia, Roma, Squilibri editore 2018, p. 51) dalla voce di una emigrata bovese ove ricorrono il dolore, le lacerazioni affettive, familiari e comunitarie (li muntagni e la marina, la mamma e gli amici, le mura e lu casteddhu, l’amore e la ruga) nonché, come si diceva sopra, il presentimento di una «iliade» senza «odissea».

Jeu ti salutu e ti salutu Bova
cu sapi su li viju cchiù sti mura.
Salutu li muntagni e la marina
salutu lu casteddhu e la me rua
Sulu Diu lu sa
s'iddhu tornu ccà.

Salutu la me beddha bovisciana
chi di la me spartenza si dispera.

O mammareddha mia cu ti cunsola
ora ch'eu partu e tuni resti sula.
Sulu Diu lu sa (etc.)
Vi pregu amici mei, nesciti fora
quant'u vi viju n'atra vota sula
E quandu buccu nt'all'Ammendulia
ti salutu pe sempri Bova mia.

Sulu Diu lu sa (etc)

La me canzuna è ditta mari mari.
Ah, sta spartenza quantu fa penari.

Il canto non ha bisogno di chiose ulteriori se non per il «buccu» del quart'ultimo verso: prima persona del presente indicativo di «buccari», sparire dietro ad un avvallamento del terreno (buccàta, anche con il diminutivo buccatèdda), e quindi dietro ad un «buco» che nasconde dalla visuale colui che bucca.

Nella canzone il partente, o lo «spartente», da Bova e sprofonda (bucca, appunto) per trazzere scoscese fino al greto della fiumara di Amendolea che «spartisce» il territorio di Bova da quello di Condofuri; da lì saluta per sempre il suo paese.