Direttore: Aldo Varano    

REGGIO. Domani il circolo Calarco presenta "Controvento" di Federico Pace

REGGIO. Domani il circolo Calarco presenta "Controvento" di Federico Pace
Sabato 26 maggio  2018 alle h  19.00 , nella suggestiva cornice del Teatro della Girandola - Via D.co Muratori n 2- il Circolo culturale Guglielmo Calarco- Cooperativa V.Veneto incontra  lo scrittore Federico Pace autore di “Controvento”, Einaudi Editore 2017..

Federico Pace, scrittore e giornalista da vent’anni lavora per il Gruppo Espresso, è autore di “Senza volo storie e luoghi per viaggiare con lentezza” (2008)  e “La libertà viaggia in treno”(2016) giunti, rispettivamente, alla  settima e sesta ristampa.  “Controvento”, pubblicato nel maggio 2017 ha raggiunto la decima ristampa  nel febbraio 2018 con 70.000 copie vendute.

Il tema del viaggio e delle sue infinite sfaccettature è al centro di questo libro definito”intenso e sorprendente” (Vanja Luksic- L’Express) la cui narrazione si dipana attraverso le vicende di artisti e personaggi noti accumunati dall’aver intrapreso, per motivi diversi, un viaggio o un cammino che ne ha segnato la vita e la creatività. Tra le pagine di grande bellezza  di questo libro, intriso di meraviglia e di magia,si incontrano Paul Gaugin, Frida Khalo, Erik Satie, David Bowie, Anna Maria Ortese,Joni Mitchell, Gabriel Garcia Marquez e tanti altri personaggi che, attraverso il  viaggio, giungono a scoprire sé stessi.

Il senso del viaggio non è lo spostamento fisico ma quello  interiore “creare nuovi legami, compiere scelte, aprirsi alla realtà in modo che questa penetri in profondità e mostri la sua bellezza nascosta”. Viaggiare , quindi, non significa attraversare luoghi e spazi geografici ma lasciarsi alle spalle qualcosa e lasciare che in quei viaggi , nelle fughe, nei gesti ci si trovi a desiderare e accettare che la vita cominci ad accadere o torni a farlo di nuovo. Questo è il vero significato del viaggiare.

Un viaggio nel viaggio è quello che Federico Pace propone al lettore alla ricerca della parte più nascosta di sé svelata dal confronto con l’ignoto e con l’altrove.

Presenta il libro la giornalista Anna Foti, letture a cura degli attori Cinzia Messina e Sebastiano Gavasso.