Direttore: Aldo Varano    

REGGIO. Comune e Anassilaos promuovono mostra fotografica di Rosario Cananzi sullo Stretto

REGGIO. Comune e Anassilaos promuovono mostra fotografica di Rosario Cananzi sullo Stretto
Passando dallo “Stretto di Messina”/“Uno sguardo sulle coste Calabro-Sicule dallo Stretto di Messina” è il tema della mostra fotografica di Rosario Cananzi, già fotoreporter di Gazzetta del Sud e testimone privilegiato, attraverso le immagini, della cronaca cittadina, da quella più alta (visita di Madre Teresa di Calcutta)  a quella più tragica e nera.

La Mostra promossa dal Comune di Reggio Calabria, congiuntamente con l’Associazione Culturale Anassilaos, sarà inaugurata martedì 17 luglio alle ore 18,00 presso la Galleria di Palazzo San Giorgio. Si tratta di otto immagini di grandi dimensioni a colori, montate su pannelli, che mostreranno un sito candidato a divenire Patrimonio  dell’Unesco. 

Si comincia dallo Stretto con una visuale dall’Etna verso nord e l’intreccio  con la Calabria fino all’Aspromonte. (dal Fortino di Reggio).  Si prosegue con Messina vista da Pentimele. Si continua con la costa calabra dal faro di Villa San Giovanni verso sud fino  all’aeroporto di Reggio Calabria e dall’Aeroporto verso sud fino a Pellaro. Si prosegue con la  Costa jonica, dal  Comune di Motta San Giovanni (Lazzaro), dal confine nord fino al faro di Capodarmi. Sul versante tirrenico dell’Area dello Stretto si parte da Palmi verso sud fino a Bagnara  e poi ancora da Scilla verso sud fino Santa Trada.  Si conclude con la veduta dello Stretto con la vallata del Gallico. Si tratta di un’area culturalmente coesa, densa fin dal più antico passato di rapporti economici, nonché strategica perché passaggio obbligato per le imbarcazioni che non volevano circumnavigare la Sicilia, sede ai tempi di Anassilaos di un “regno dello Stretto” fiorente e potente. Le immagini di Rosario Cananzi traducono così,   sul piano visivo, sia la geografia che la storia che necessariamente ne scaturisce.