CALABRIA. Dalila Nesci (M5s) al suo partito: Fatemi candidare alle regionali

CALABRIA. Dalila Nesci (M5s) al suo partito: Fatemi candidare alle regionali

"Dire si' alla mia candidatura significherebbe sostenere una giovane donna, in un percorso politico che sia responsabile, pragmatico e trasparente, di aggregazione civica trasversale, aperto a tutti". Lo scrive, sul suo blog, la deputata del Movimento 5 Stelle, Dalila Nesci, che rilancia la sua proposta di candidatura alla presidenza della Regione Calabria chiedendo "pubblicamente a Di Maio e Beppe Grillo, che detengono il simbolo del M5s, questa possibilita'". "Credo - sostiene la Nesci - che il M5s abbia ancora l'opportunita' di dimostrare di essere una speranza lavorando a una candidatura limpida e politicamente forte. Aggiungo che ne ha il dovere. Che siamo in colpevole ritardo e' vero. Ma chi fra noi conferma la teoria del disimpegno e cioe' che e' meglio non presentarsi al cospetto degli elettori, dopo 10 anni di Movimento, sta candidamente affermando che il nostro progetto politico in Calabria e' fallito. Serve coraggio e cuore aperto - prosegue la parlamentare M5s - per affrontare questa tornata elettorale per non condannare altre generazioni di calabresi all'emigrazione, per non contribuire alla desertificazione economica e culturale dei nostri territori, per non uccidere la speranza".

-"Parte da questa premessa - aggiunge la Nesci - la mia proposta di candidatura di servizio dentro il M5s per la presidenza della Regione Calabria. Alcuni cittadini, per lo piu' colleghi e addetti ai lavori, si sono chiesti cosa mi abbia spinto a fare questo passo che in prima battuta mette in luce la diversita' di vedute con il capo politico del M5s Luigi Di Maio. C'e' chi dice - osserva la deputata del Movimento 5 Stelle - che voglio assicurarmi altri 5 anni da consigliere regionale e chi per semplice velleita' personale o per spirito di protagonismo. Questi sono legittimi retropensieri di chi non mi conosce. C'e' da rispondere al grido di dolore e voglia di rinascita della mia regione. Non mi sto candidando per millantare potenza, io mi candido a rappresentare i calabresi nella regione in cui sono nata e mi sono laureata e dove sono stata gia' eletta parlamentare, consapevole che c'e' un rischio serio di non presentazione della lista da parte del M5s". La Nesci quindi dice di essere "a disposizione del M5s per rappresentare la mia terra, perche' non potrei mai permettere di lasciare campo libero al solito sistema ben oliato di prebende e di interessi particolari a danno della collettivita'. La Calabria deve alzare la testa e con il M5s a garanzia puo' farlo. Chiedo pubblicamente a Di Maio e Beppe Grillo - che detengono il simbolo del M5s - questa possibilita'. Oggi - aggiunge la parlamentare pentastellata - dire si' alla mia candidatura significherebbe sostenere una giovane donna, in un percorso politico che sia responsabile, pragmatico e trasparente, di aggregazione civica trasversale, aperto a tutti: sia ai militanti di destra o di sinistra, che a tutti quelli che non si ritrovano in alcuna delle attuali sigle di partito. Con la mia candidatura politica per il M5S, aperta a una coalizione di liste civiche, capace di aggregare le energie buone della Calabria, possiamo chiedere - conclude la Nesci - il consenso elettorale dei calabresi e far virare il timone della Regione verso il riscatto".