REGGIO. ANPI: spegniamo la guerra accendiamo la pace

REGGIO. ANPI: spegniamo la guerra accendiamo la pace

Oggi, sabato 25 gennaio 2019, a Messina e in molte altre città, in Italia e altrove, numerose sono le iniziative contro la guerra, contro le guerre.
L'ANPI di Reggio Calabria condivide l'impegno delle organizzazioni , dei movimenti e delle associazioni che avvertono l'esigenza di una mobilitazione internazionale contro la guerra.

Poche sono state finora le reazioni e le mobilitazioni contro lo spregiudicato e criminale uso delle armi da parte del Presidente USA, Trump, che ha ordinato l'uccisione di un "nemico" sul territorio di uno stato sovrano.
Il Presidente degli USA , nazione che ha un ruolo chiave all'interno dell'ONU, nazione che siede nel Consiglio di Sicurezza dell'ONU, compie un atto di guerra, senza tenere in alcun conto lo Statuto dell'ONU e le regole della "legalità internazionale"

Se a compiere l'atto di guerra fosse stato l'Iran, possiamo immaginare cosa sarebbe successo, le reazioni e le condanne sarebbero state durissime e numerosissime. E Il Consiglio di Sicurezza dell'ONU si sarebbe immediatamente riunito.

Trump ha potuto compiere un atto "criminale" perché oggi si è affievolita la consapevolezza della gravità di azioni di guerra ed anche è diminuita la capacità di reazione e di mobilitazione.

L'azione criminale di guerra di Trump non solo non è stata CONDANNATA ma addirittura è persino stata condivisa ed applaudita.
Condivisa ed applaudita in Italia addirittura da un ex-ministro dell'Interno, Salvini, che pure ha giurato sulla Costituzione della Repubblica Italiana che "ripudia la guerra".

L'ANPI di Reggio Calabria lancia un pubblico appello per realizzare una grande manifestazione nazionale "contro la guerra", contro tutte le guerre.