Direttore: Aldo Varano    

Torneo del Mediterraneo, in vetrina il meglio del basket giovanile del Sud

Torneo del Mediterraneo, in vetrina il meglio del basket giovanile del Sud
ReP
 

Ha preso il via la decima edizione della manifestazione organizzata dal comitato regionale Fip a Locri e Siderno i cui protagonisti sono i migliori talenti di Calabria, Abruzzo, Molise, Basilicata, Campania e Sicilia

Si è alzato il sipario sulla decima edizione del Torneo del Mediterraneo che lungo tutto il weekend animerà Locri e Siderno con le migliori espressioni giovanili del basket del Sud. Sarà una tre giorni intensa, quella organizzata dalla Fip Calabria, in cui a occupare la scena sarà l’entusiasmo dei giovani cestisti di Calabria, Abruzzo, Molise, Basilicata, Campania e Sicilia.

Il torneo ha preso il via ufficialmente con le prime due sfide in programma quella tra Calabria e Campania nel palazzetto dello sport di Locri e tra Sicilia e Basilicata nella palestra del "Marconi" di Siderno.

Nella giornata di sabato ci sarà anche spazio, nel pomeriggio in piazza dei Martiri a Locri, per il minibasket e per la pallacanestro in carrozzina con l’esibizione della società “Kleos” di Lazzaro.

La presentazione dell’evento si è svolta in un gremito Palazzo della Cultura di Locri alla presenza di Domenica Bumbaca, consigliere comunale di Locri con delega alle Attività sportive, Sabrina Santacroce, segretaria della Consulta cittadina di Siderno, Sandro La Bozzetta, presidente Fip Calabria, Antonino Rescifina, presidente Fip Sicilia, Fabio Colella, vicepresidente Coni Calabria e Tito Messineo, presidente regionale del Comitato italiano paralimpico.

“Siamo molto contenti – ha detto Bumbaca - di poter ospitare un evento di questo tipo perché ci consente di coniugare lo sport alla conoscenza del nostro territorio. Per questo consideriamo estremamente importante la visita guidata a Gerace che faremo sabato sera. Al tempo stesso siamo lieti che il nostro lungomare sia teatro di un evento collaterale che vedrà protagonisti, sempre nella giornata di sabato, i più piccoli e il basket in carrozzina. L’obiettivo di questa manifestazione deve essere quello di consegnare ai ragazzi un ricordo indelebile di amicizia e aggregazione sociale”.

Sulla stessa lunghezza d’onda anche Santacroce secondo cui “anche Siderno è entusiasta di questo torneo e della possibilità di animare la propria comunità con un momento di valorizzazione dei migliori talenti giovanili”.

Grande soddisfazione è stata espressa da La Bozzetta che ha anche rimarcato “l’importanza di offrire ai più giovani l’opportunità di vivere un’esperienza formativa e aggregativa di grande rilievo. Siamo davvero felici di aver raggiunto il traguardo della decima edizione di un torneo che, peraltro, pone le basi per il Trofeo delle Regioni che si svolgerà nel 2015. Intendo ringraziare la Provincia di Reggio Calabria e le amministrazioni comunali di Locri e Siderno per il supporto e tutti i comitati regionali che hanno aderito. Ai ragazzi dico di considerarsi fortunati perché possono vivere un momento che resterà per sempre nei loro ricordi e che consente a quanti riusciranno a impegnarsi, di migliorare il loro percorso di crescita nella pallacanestro”.

I complimenti alla macchina organizzativa sono stati poi rivolti da Rescifini, “per un evento certamente non semplice da mettere in piedi. E’ molto importante che una manifestazione di questo livello continui a rinnovarsi, perché costituisce un solido punto di riferimento per tutto il movimento cestistico giovanile del Mezzogiorno”.

“Da ex giocatore – ha detto Colella – non posso che considerare essenziali questi eventi che ai miei tempi non c’erano. La promozione e la valorizzazione del talento giovanile deve costituire il punto di partenza per rilanciare lo sport sul territorio”.

Secondo Messineo, il Torneo del Mediterraneo “ha l’indubbio merito di offrire uno spazio importante al basket in carrozzina, consentendo in senso più ampio di evidenziare quanto sia centrale, nell’ambito delle politiche di promozione dello sport, la creazione di nuove opportunità per le discipline paralimpiche”.

Chiusura di presentazione caratterizzata da uno scambio di doni tra i ragazzi e i rappresentanti delle amministrazioni. Per i giovani cestisti, infine, è stato creato anche un evento ‘social’ che attraverso la condivisione di foto sulla pagina Facebook del torneo, consentirà di partecipare a un concorso che mette in palio un pallone ufficiale per il vincitore.