Direttore: Aldo Varano    

CZ. Situazione quartiere marinaro, dichiarazione Roberto Guerriero

CZ. Situazione quartiere marinaro, dichiarazione Roberto Guerriero
ReP
 

Non solo “ringhiere” nuove di zecca a delimitare spazi che diventano fruibili nell’interesse dello sviluppo del quartiere marinaro. Il panorama che i turisti che ci auguriamo di attirare lungo le nostre splendide coste è fatto, anche, di dune selvagge artificialmente ‘innalzate’ da detriti provenienti da altri “lidi”, abbandonate dai margini delle spiagge libere, a due passi dalle costruzioni ben curate che dovrebbero rappresentare il fiore all’occhiello dell’industria turistica e il motore propulsore dell’economia della Marina nel periodo estivo. Tanta cura per il quartiere su cui si concentrano da mesi in maniera incondizionata le attenzioni dell’amministrazione comunale di centrodestra, per poi perdersi nei particolari, come la pulizia uniforme delle aree interessate alla fruizione di turisti e residenti che si recano al mare. Una disparità di trattamento che salta agli occhi e ha la forma di accumuli di spazzatura e materiale di risulta, sabbia spostata da una parte all’altra: uno scenario poco armonico che colpisce nella sua apparente illogicità. All’amministrazione, insomma, sfugge l’attenzione al particolare, come può essere la necessità di una illuminazione pubblica che favorisca la fruizione in sicurezza del lungomare per la bella passeggiata serale e che, invece, l’installazione dell’illuminazione a led, sebbene apprezzabile dal punto di vista ambientale, non garantisce altrettanta sicurezza visto che ampie zone risultano scarsamente illuminate e quindi non facilmente accessibili. Insomma, la parola che mi viene in mente è “improvvisazione”: sistemazione alla meno peggio delle urgenze e delle problematiche da affrontare per improntare una stagione turistica apprezzabile, per dare l’idea di una efficienza truccata quando invece della polvere sotto il tappeto ci mettiamo i detriti. E, ora che ci siamo, perché non pensiamo anche ai servizi, a migliorare quelli che ci sono e crearne dei nuovi per rendere le nostre spiagge a livelli di accoglienza degli della bellezza dei panorami e del mare che abbiamo, ma che non possono bastare? Dovremmo preparare un “biglietto da visita” non dico all’altezza delle aspettative ma almeno per garantire un gradimento che meriti un voto di sufficienza.

Roberto Guerriero
Capogruppo comunale Psi - Catanzaro