Direttore: Aldo Varano    

RC. Lady Matacena torna a casa: arresti domiciliari

RC. Lady Matacena torna a casa: arresti domiciliari

Dopo due mesi di carcer il gip del Tribunale di Reggio Calabria ha concesso gli arresti domiciliari a Chiara Rizzo. Il giudice per le indagini preliminari ha accolto il ricorso presentato dai legali della donna Bonaventura Candido e Carlo Biondi la settimana scorsa.

Lady Matacena (come ormai tutti chiamano e conoscono la signora Rizzo), moglie dell'armatore reggino Amedeo, è coinvolta nell'inchiesta della procura antimafia di Reggio Calabria nella quale è imputato anche l'ex ministro dell'Interno Claudio Scajola. I due sono accusati di avere favorito la latitanza di Amedeo Matacena, condannato in via definitiva a 5 anni di carcere per concorso esterno in associazione mafiosa. Lady Matacena, secondo l'accusa, stava cercando, assieme all’ex ministro Scajola, di fare trasferire il marito della donna da Dubay al Libano.

Collegato via Skype con Dubay, Matacena ha dichiarato all'Ansa di avere appreso della notizia della moglie e di essere «troppo commosso».

«Siamo contenti - hanno aggiunto gli avvocati di Chiara Rizzo - che il giudice abbia riconosciuto che il nuovo decreto legge del 28 giugno sulla custodia cautelare in carcere, che era già in vigore al momento dell'ultimo rigetto, fosse applicabile anche a Chiara Rizzo, che ha subito, a nostro avviso, un lungo ed ingiustificato periodo di custodia cautelare in carcere».

«La misura disposta dal Gip – secondo gli avvocati - consentirà, soprattutto, il riavvicinamento di Chiara Rizzo ai due figli, dai quali è lontana da oltre due mesi».