Direttore: Aldo Varano    

REGIONE. Riunione maggioranza centrodestra su statuto legge elett e fondi comunitar

REGIONE. Riunione maggioranza centrodestra su statuto legge elett e fondi comunitar
ReP
 
Fondi comunitari, riforma dello Statuto regionale e nuova legge elettorale: su questi tre cruciali punti del dibattito politico  si è concentrata la riunione odierna, svoltasi a Lamezia Terme,  della maggioranza di centrodestra, cui hanno preso parte anche  il presidente del Consiglio regionale Francesco Talarico e la presidente facente funzioni della Giunta regionale Antonella Stasi. Per quanto concerne  l’esame della Programmazione comunitaria (Por e Psr 2014-2020), si è deciso di chiedere la convocazione del Consiglio per lunedì 21 luglio (slitterà quindi  di qualche giorno la seduta consiliare programmata per venerdì prossimo), per consentire un ulteriore approfondimento nella Commissione competente, considerato che si tratta di un  provvedimento (da trasmettere alla Commissione europea entro il 22 luglio) “assolutamente fondamentale, in quanto mobilita una spesa di 3.5 miliardi di euro che  potrà costituire per la Calabria una straordinaria  occasione di sviluppo”.   Sul dossier “riforme istituzionali”, la maggioranza di centrodestra ha condiviso, per quanto concerne lo Statuto, l’impostazione legislativa di recente esplicitata dal presidente Talarico, ossia  difendere le innovazioni introdotte, su cui il Governo ha avanzato delle osservazioni,  dinanzi la Corte Costituzionale (la presidente f.f. Stasi è stata incaricata di muoversi in tale direzione). “Lo  Statuto approvato dal Consiglio regionale,   in prima e  seconda lettura, ha introdotto - è stato spiegato -  modifiche  di un certo peso ed ha, coerentemente, introdotto, nel rispetto della Costituzione, istituti che, mentre assicurano la governabilità della Regione, come il consigliere supplente, assicurano l’economicità dell’intera riforma (come è stato d’altronde  chiarito  con una comunicazione formale inviata, dal Presidente del Consiglio regionale,  al Presidente del Consiglio dei ministri -Dipartimento Affari regionali ed al Ministero degli Interni) visto che l’introduzione della figura del consigliere supplente non comporta nuovi o maggiori oneri a carico del bilancio regionale.  Senza dimenticare, tra l’altro,  che  la figura del consigliere supplente nel 2009  era stata già introdotta nello Statuto della Calabria  e che la relativa legge regionale fu esaminata dal Governo il 6 novembre dello stesso anno, ma non venne impugnata, né è stata mai contestata preliminarmente dai Ministeri competenti. Al contrario, oggi, il Governo ha  deciso di impugnare la legge regionale, per cui ci si domanda  cos’è cambiato, dopo neanche un quinquennio, considerato che la ratio sulla base della quale fu allora introdotta la figura del consigliere supplente è identica e che identiche sono le norme costituzionali di riferimento. La riforma dello Statuto da noi  realizzata - è stato detto -  mira a garantire il principio del normale funzionamento degli organi dell’Assemblea legislativa, atteso che la riduzione dei consiglieri regionali, da 50 ridotti a 30, comporterebbe la paralisi dei lavori delle Commissioni permanenti e di conseguenza delle stesse funzioni, costituzionalmente garantite, del Consiglio regionale nel caso in cui il Presidente della Regione dovesse nominare  quali assessori soltanto membri del Consiglio stesso. Nessun giochetto da parte del Consiglio regionale, quindi,  ma soltanto attenzione alle esigenze di funzionamento dell’Assemblea di una regione  che, con una popolazione di poco inferiore ai 2 milioni di abitanti, si è vista tagliare ben 20 consiglieri regionali”.  Sulla legge elettorale, la maggioranza ha deciso di attendere le osservazioni del Governo, ancora non formalmente pervenute, “per prendere visione, con la dovuta attenzione e responsabilmente,  dei rilievi del Governo”. A quel punto, “con atteggiamento assolutamente sereno  e con l’intento di  evitare ulteriori polemiche ed assicurare alla Calabria piena legittimità operativa nel rinnovo del Consiglio regionale  della X legislatura che avverrà col voto di  novembre”, la maggioranza discuterà l’intera questione “e deciderà di conseguenza con l’eventuale  accoglimento dei rilievi del Governo”. I consiglieri regionali ed i capigruppo della maggioranza, infine, hanno apprezzato l’atteggiamento istituzionale e politico del presidente Talarico e della presidente f.f. Stasi all’indomani delle dimissioni del presidente Scopelliti, riconoscendo, sia a Talarico che alla Stasi, “equilibrio e forte  senso delle istituzioni” sia nel  portare a termine provvedimenti legislativi  fondamentali per il futuro della Calabria che  nell’espletamento delle loro rispettive funzioni,  in una fase particolarmente difficile per la Calabria, che ha dovuto fronteggiare -   per la prima volta da quando è stata introdotta l’elezione diretta - le dimissioni del Presidente della Regione con tutto ciò che ne è derivato, sia in termini legislativi che politici”.