Direttore: Aldo Varano    

RC. Slow Food e l'identità di un popolo

RC. Slow Food e l'identità di un popolo
ReP
 

La Condotta Slow Food Reggio Calabria Area Grecanica da sempre attenta alla promozione delle peculiarità territoriali e alla riscoperta della biodiversità, anche culturale, organizza un nuovo speciale e gustoso evento alla ri-scoperta del piccolo borgo di Gallicianò.
Il borgo è situato alle pendici dell’Aspromonte, dagli anni ’50 in poi ha subito un drastico spopolamento. La sua comunità è costituita da circa 60 abitanti che, con tenacia, ancora vi abitano e conservano intatte le tradizioni grecaniche, non solo linguistiche, ma anche musicali, gastronomiche e rituali. Partecipare all'evento significherà prestare la giusta attenzione verso quei luoghi appenninici che riunivano agricoltori, artigiani, allevatori, memoria di capacità e ingegno di origini antiche.
La visita a Gallicianò vuole rappresentare uno stimolo amorevole affinchè le popolazioni dell’entroterra aspromontano assaporino il gusto di dare vita alla memoria, non facendosi sottrarre dall'oblio le proprie radici, la propria identità.
Una vera e propria immersione nella cultura bizantina dei greci di Calabria, per approfondirne la conoscenza della storia, dell’architettura, della devozione, dei sapori e dei profumi ancestrali.
L'appuntamento è, quindi, per sabato 2 agosto alle ore 10.00 nella piazzetta di Amendolea dove, i volontari dell’associazione Did.Ar.T. ci guideranno alla scoperta del Santuario, da lì ci si sposterà a Gallicianò per visitare la chiesa di San Giovanni Battista, intorno alla quale si sviluppa l’affascinante borgo.
A seguire visiteremo la piccola chiesa ortodossa di Panaghìa tis Elladas, testimonianza del passaggio dei monaci greco-ortodossi, espressione storica e culturale del territorio dell’Amendolea. Guidati dall’artefice della ristrutturazione, l’arch. Nucera, conosciuto come Mimmolino l’artista, scopriremo oltre la chiesetta bizantina, il piccolo museo etnografico e l’arcaica fonte dell’amore.
Come consuetudine della Condotta Reggio Calabria Area Grecanica il percorso si concluderà con un momento conviviale. Presso la Taverna Grecanica, dove grazie all’impegno della Comunità dei cibi della memoria storica dell’area grecanica e la Comunità del grano in Aspromonte, assaporeremo un menù ispirato alle antiche ricette dei greci di Calabria. Sul terrazzo che si affaccia sulla fiumara dell’Amendolea, saranno serviti: capocollo e formaggio prodotto dai pastori locali, sott’oli e peperonata, frittelle; maccarruni i casa con il sugo di carne di capra, capra bollita secondo l'antica ricetta, insalata di pumadoru i siccagnu, frutta di stagione.
Musicisti del posto accompagneranno con i suoni della loro terra il convivio, che sarà reso ancora più speciale dall’ascolto di poesie in lingua ellenofona recitate direttamente dall’autore, il poeta Salvino Nucera.
Il costo è di € 20,00 a persona