Direttore: Aldo Varano    

MOTTA S. GIOVANNI (RC). Rifiuti radioattivi e/o tossici, Crea: richiesta notizie

MOTTA S. GIOVANNI (RC). Rifiuti radioattivi e/o tossici, Crea: richiesta notizie
ReP
 

Signor Presidente della Camera dei Deputati della Repubblica Italiana, Signor Presidente del Consiglio dei Ministri , Signor Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, Signor Ministro della Salute.
Faccio seguito alla richiesta dello scorso 5 giugno concernente l’oggetto per rappresentare che dalla documentazione trasmessa dall’archivio della Camera dei Deputati, dietro formale richiesta di questa associazione, risultano molto genericamente riportati i luoghi della provincia di Reggio Calabria ove si troverebbero le discariche presso le quali sarebbero custoditi fusti di sostanze tossico-radioattive tra cui Motta San Giovanni e Montebello Ionico (100 fusti). Atteso che le Istituzioni locali non avrebbero riservato la dovuta attenzione alla gravissima e delicata situazione che minaccia la salute dei cittadini, tant’è che sebbene il Sindaco del Comune di Motta San Giovanni abbia comunicato alla cittadinanza di richiedere notizie presso la Camera dei Deputati riservandosi di informare la popolazione appena acquisite le relative informazioni, stante il notevole decorso temporale nessuna notizia ci è stata comunicata, si chiede pertanto, fermo restando le richieste formulate con la nota in premessa, di voler valutare la possibilità di notiziare la scrivente associazione in merito all’individuazione esatta e puntuale dell'ubicazione dei siti ricadenti in Motta San Giovanni e Montebello Ionico ove sarebbero custoditi fusti di sostanze tossico-radioattive e, soprattutto, delle quantità e qualità dell'eventuale contenuto in sostanze radioattive e/o tossiche. Si richiede inoltre di conoscere o avviare approfondite iniziative che portino a conoscenza della popolazione, su quali siano i potenziali pericoli che l'eventuale presenza di queste sostanze possa apportare alle popolazioni locali e limitrofe. Il silenzio delle Istituzioni locali su questo argomento è davvero assordante: l'aumento delle patologie, soprattutto oncologiche (come dichiarato di recente attraverso gli Organi di stampa, anche dal Sig. Sindaco del Comune di Motta San Giovanni) dovrebbe portare a “rivoltare come un calzino” l'intero territorio dei Comuni interessati; ma tutto tace!
Siamo ben consci che vi sono indagini in corso da parte delle Autorità competenti, ma, a nostro giudizio, la salute della gente dovrebbe essere un bene così importante da scavalcare qualsiasi ostacolo frapposto al suo perseguimento.
Ringrazio per l’attenzione che le Spettabili Istituzioni in indirizzo riserveranno alla presente richiesta e nella fiduciosa attesa di notizie mi è gradita l’occasione per porgere cordiali saluti.
Vincenzo CREA
Referente unico dell’ANCADIC Onlus
e Responsabile del Comitato spontaneo “Torrente Oliveto”