Direttore: Aldo Varano    

CZ. Sold out per gli Arangara

CZ. Sold out per gli Arangara
ReP


Una serata sicuramente da conservare nell’album dei ricordi belli. Il concerto degli Arangara, donato alla città e a sostegno del comitato “Salviamo il Teatro Masciari” è stato un successo sotto tutti i punti di vista: per la qualità della musica, per il tutto esaurito della platea e per le numerose presenze all’happening degli operatori culturali, che ha preceduto e poi accompagnato l’esibizione del gruppo prodotto da Francesco Guccini.
C’erano quelli catanzaresi: Teatro Incanto, Acli Nuova Scena, Edizione Straordinaria-Scuola di teatro Enzo Corea, Politeatro il Minore, Big Noise Band, l’attore Mico Mendolia, lo studio grafico Il Segno. E c’erano anche i nomi dello spettacolo di respiro nazionale: gli attori Lidia Vitale ed Eugenio Masciari, la compagnia di danza Virality, reduce dal successo a “In pista” di Rai Uno e della quale fa parte la catanzarese Daria Fratto. Presenti anche gli operatori dell’informazioni e tra questi Luciano Regolo, di recente protagonista, insieme con i giornalisti dell’Ora della Calabria, di una battaglia per la libertà d’informazione che ha attirato su di sé l’attenzione dell’Italia intera. Tutti presenti, a sottolineare l’esistenza di una rete costituita da soggetti diversi, che operano in ambiti diversi ma che, quando serve, sono capaci di ritrovarsi intorno a valori comuni, primo tra tutti la cultura come strumento di crescita civile.
Il concerto degli Arangara non ha tradito le aspettative. Gianfranco Riccelli (voce, chitarra, armonica, mandolino), Daniele Radano (basso), Emanuele Figliucci (batteria) Mario Grillo (tastiere) e Giovanni Romeo (chitarra) hanno sfoderato il meglio della loro produzione discografica, spaziando dalla pregiata canzone d’autore italiana a quella d’ispirazione popolare, senza trascurare, come agosto impone, i ritmi tradizionali e ballabili del Sud e del bacino del Mediterraneo. Ne è venuto fuori un insieme omogeneo di brani, in grado di soddisfare i gusti più diversi, senza sbavature e anzi capace di dare al pubblico una sensazione piacevole di coerenza artistica. Il pubblico ha gradito, occupando i circa quattrocento posti a sedere ma anche, in piedi, il resto di piazza Brindisi nel quartiere marinaro del capoluogo. Alla fine, le presenze sono state circa settecento.
“Siamo felici di come sia andata la serata – ha commentato Emanuela Gemelli, presidente del comitato Masciari –. Anche in questa circostanza abbiamo avuto prova di quanto la gente abbia voglia di spazi comuni, dove ritrovarsi e apprezzare l’arte. Il Masciari, per Catanzaro, resta lo spazio comune per eccellenza, il più emblematico e ricco di storia e alla città deve essere restituito. Continueremo a ripeterlo, grazie anche al contributo di amici come gli Arangara e Francesco Guccini, loro produttore, a cui va il nostro ringraziamento più sincero ma grazie anche a chi, sul nostro territorio, continua a sostenere la causa comune”.