Direttore: Aldo Varano    

Pres. Magarò su visita premier Renzi

Pres. Magarò su visita premier Renzi
ReP
 

“Considero un errore non aver partecipato al vertice di Reggio Calabria con il presidente del Consiglio Matteo Renzi. La giunta regionale avrebbe dovuto essere presente sia per dovere di rispetto istituzionale verso il capo del governo nazionale venuto in Calabria, sia per dar forza ed evidenza alle richieste della nostra regione. Gli impegni del governo di Roma verso la Calabria e i calabresi devono trovare una classe dirigente politica attenta e pronta a coglierli per poi, ovviamente, essere vigile nell’attuazione ed eventualmente anche rigorosamente critica ma non certo sterilmente assente”.
E’ quanto dichiara Salvatore Magarò, presidente della Commissione regionale contro la Ndrangheta secondo il quale “l’atteggiamento deciso dalla giunta e dalla maggioranza che governa la Regione è sembrato più che una protesta, una rinuncia al confronto, se non una fuga”.
Magarò, in proposito, ricorda: “Nella stessa giornata, a Napoli, il presidente della Regione Campania Stefano Caldoro, che guida un governo dello stesso colore politico di quello calabrese, ha assunto invece un atteggiamento diverso ed ha colto l’occasione dell’incontro con il premier Matteo Renzi per rilanciare non solo l’azione del suo esecutivo ma anche per rivolgere un forte appello per eliminare le disparità tra nord e sud in Italia”.
E c’è di più. Secondo Salvatore Magarò, “E’ più che mai opportuno che si stia profilando la scelta di concentrare nel prossimo appuntamento elettorale del 12 ottobre non solo il voto per il rinnovo del Consiglio regionale ma anche quello per le comunali di Reggio Calabria”. ”La Regione e la più grande città della Calabria – sottolinea Magarò – avrebbero, insieme, un election-day, un importante momento chiarificatore politico e istituzionale che potrebbe segnare un nuovo, salutare inizio per la vicenda calabrese”.