Direttore: Aldo Varano    

ANIME NERE. Munzi: mi sono innamorato del libro di Gioacchino Criaco

ANIME NERE. Munzi: mi sono innamorato del libro di Gioacchino Criaco
"Ho avuto un  colpo di fulmine, un innamoramento del romanzo di Gioacchino Criaco.  Talmente forte che mi ha portato ad abbandonare il progetto su cui  stavo lavorando. Mi ha colpito la carica emozionale, viscerale,  sprigionata dal libro. E mi ha portato in un mondo che non conoscevo,  grazie al suo sguardo interno sull'Aspromonte, sguardo però attento a  non esaltare mai la violenza, capace di raccontare il crimine senza  mai distanziarne gli aspetti dolorosi".     
 
Francesco Munzi racconta qual è stata la scintilla che l'ha  portato a realizzare 'Anime nere', oggi in concorso a Venezia71 (dal  18 settembre in sala con Good Films), opera che prende spunto dal  romanzo omonimo di Criaco (dal 17 settembre di nuovo in libreria con  Rubbettino) e che si sofferma sulle "dinamiche di una famiglia vicina  alla 'ndrangheta in seguito ad una faida con un clan rivale", spiega  ancora il regista. Che dopo 'Saimir' e 'Il resto della notte', sposta  le sue attenzioni sulla Calabria.