Direttore: Aldo Varano    

CAL Musella (Riferimenti) per la regione si voterà con una legge mafiosa

CAL Musella (Riferimenti) per la regione si voterà con una legge mafiosa
"Alla prossima competizione elettorale i cittadini calabresi saranno costretti a votare con una legge mafiosa". E' l'allarme che lancia il coordinamento nazionale antimafia Riferimenti.  
"Crediamo che uno dei piu' gravi problemi di una regione come la Calabria - afferma Adriana Musella, presidente del coordinamento - sia proprio quello culturale. Quando parliamo di legalita' parliamo di cultura dei diritti e ahime' in questa terra il piatto langue...non a caso. L'ultimo diritto negato in ordine di tempo, lo regala l'aborto di legge regionale con la quale i cittadini calabresi si apprestano ad andare alle urne. I consiglieri regionali della Calabria, infatti, si sono distinti come sempre, partorendo una legge con una sola preferenza. Una delle poche regioni, questa, a non avere parita' di genere ma nemmeno una seconda neutrale preferenza. Ancora una volta viene avvantaggiata la politica di mestiere, quella dei pacchetti di voti, 'il potere' nel senso piu' dispregiativo del termine".  
"E' chiaro - prosegue - che la cosa e' stata studiata. In Calabria il voto non potra' essere libero ma fortemente condizionato,in quanto non e' dato spazio ad un voto d'opinione che restera' comunque minoritario di fronte a una mancata possibilita' di scelta determinata dalla preferenza secca. Torneranno ai loro posti i soliti faccendieri della politica che si sono riservati un posto al sole, unico sostentamento di vita ed hanno partorito una vergogna ma senza il minimo pudore. Il tanto sbandierato rinnovamento e' solo una meteora. Insomma un metodo prettamente mafioso scaturito da una cultura mafiosa che ha prodotto una legge mafiosa".