Direttore: Aldo Varano    

L'Italia il paese Ocse con le maggiori differenze al proprio interno

L'Italia il paese Ocse con le maggiori differenze al proprio interno
Bolzano come il Ticino, Trento a livelli giapponesi, la Campania e la Calabria come Creta o Ankara. L'Italia divisa in due anche nelle statistiche Ocse: assieme alla Spagna, la Penisola e' il Paese industrializzato con le maggiori differenze tra le regioni in termini di disoccupazione (inclusa quella giovanile) e presenta ampie disparita' anche in altri fattori che misurano il benessere la qualita' della vita. Come sottolinea uno studio dell'Ocse, mentre la Provincia di Bolzano e' nel top 15% delle regioni Ocse per il mercato del lavoro, la Campania e' nell'1% con la situazione peggiore.
 
Bolzano e' anche nel top 20% Ocse e al primo posto in Italia per reddito, mentre la Campania e' ultima nella Penisola e molto vicina al 20% piu' debole a livello Ocse. Per sicurezza svetta la provincia di Trento che e' anche ai massimi livelli Ocse, mentre sul fronte opposto c'e' la Calabria. Per l'ambiente si distingue la Sardegna, ma solo in quel 60% Ocse di mezza classifica, mentre nel 20% meno 'ecologico' figura la Lombardia. Per la sanita' ancora Trento al top sia nazionale sia Ocse, mentre la Campania e' ultima tra le regioni italiane, ma con una posizione di meta' classifica Ocse.
 
Per impegno civico la palma va all'Emilia Romagna, nel 'top 20% Ocse", mentre la Calabria si aggiudica
un'altra posizione di coda. Per gli alloggi, la regione migliore e' il Friuli Venezia Giulia, a meta' della classifica Ocse e la Campania e' nel 20% peggiore. Per l'accesso ai servizi, la palma va nuovamente a Trento (ma solo nella fascia mediana dell'Ocse), mentre la Puglia e' nel 20% meno favorevole. Per l'istruzione la prima in Italia
e' il Lazio, ma nella parte inferiore della gamma mediana e la Sardegna e' ultima, nel 20% meno istruito dell'Ocse.
 
Riassumendo la Provincia di Bolzano ha una qualita' di vita simile a quella del Ticino, dell'Austria, del dipartimento francese Rhone-Alpes e quella di Trento e' simile anche alla regione giapponese del Northern Kanto-Koshin. La Lombardia e' sui livelli dell'Alsazia e della Carinzia. Invece la Campania e la Calabria
sono piu' assimilabili a Creta o alle isole del Mar Egeo e alla turca Ankara. Come sintetizza, l'Ocse il tasso di disoccupazione piu' basso in Italia (Bolzano) nel 2013 e' del 6,2% e il piu' alto al 17,8% con una media 2013 del 10,4% contro l'8% Ocse e il reddito varia da un massimo regionale di 19.713 dollari a un minimo di 11.794, con una media nazionale di 16.350 contro la media Ocse di 18.907. Quanto a sicurezza si va dagli 0,4
omicidi ogni 100mila abitanti di Trento agli 1,4 della Calabria, per una media nazionale di 0,9, ben al di sotto - in questo caso meritevolmente - dei 4,1 Ocse. L'impegno civico va dagli 81,4% dei votanti in Emilia alle ultime elezioni all'assai piu' ridotto 66,2% della Calabria.

Nell'istruzione mentre in Lazio il 72,2% della forza lavoro ha almeno un diploma di scuola secondaria, la Sardegna si ferma al 57,4%. In ogni caso la media nazionale e' del 64,6%, ben al di sotto di quella Ocse, che e' del 74,6%.