Direttore: Aldo Varano    

RC. Confindustria organizza discussione a tutto campo con candidati sindaci

RC. Confindustria organizza discussione a tutto campo con candidati sindaci
Si e' svolto a Reggio CALABRIA, nella sede degli industriali, un confronto a tutto campo tra i candidati a sindaco sui temi cittadini di piu' scottante attualita'. E' quanto riferisce un comunicato di Confindustria Reggio CALABRIA. All'iniziativa, organizzata dalle associazioni territoriali di Ance e Confindustria Reggio CALABRIA, hanno preso parte Aurelio Chizzoniti (Reggio nel cuore), Lucio Dattola (coalizione di centrodestra), Giuseppe Falcomata' (centrosinistra), Paolo Ferrara (Liberi di ricominciare), Vincenzo Giordano (Movimento 5 Stelle), Stefano Morabito (Per un'altra Reggio), Giuseppe Musarella (Ethos) e Giuseppe Siclari (Partito comunista dei lavoratori).
 
L'incontro si e' aperto con i saluti istituzionali dei presidenti di Confindustria e Ance Reggio CALABRIA, Andrea Cuzzocrea e Francesco Siclari, cui e' seguita la proiezione del video "Se questo e' vivere, a true story from
Reggio CALABRIA", presentato da Filippo Arecchi, presidente del comitato Piccola industria che ne ha anche curato la realizzazione. "Nel breve reportage fotografico - si afferma ancora nella nota - e' stata offerta una desolante quanto realistica istantanea, circa la situazione di profondo degrado e totale abbandono che, da nord a sud, caratterizza la citta'". I lavori si sono sviluppati intorno alle questioni riguardanti la Citta' metropolitana, le societa' miste, la burocrazia comunale, il bilancio dell'ente e l'imposizione di tariffe e tributi, il Decreto Reggio e la riattivazione dei lavori pubblici.
 
Ad ogni candidato sono stati concessi tre minuti per esporre programmi e azioni da attuare per ciascun tema posto sul tavolo del dibattito. Entrando nel vivo dei temi che interessano da vicino il tessuto produttivo locale, Cuzzocrea ha delineato lo scenario economico che attende il futuro sindaco di Reggio. "Scenario - ha detto il presidente degli Industriali reggini - che e' estremamente complesso a causa di una situazione finanziaria critica che, non a caso, ha determinato un progressivo inasprimento dei tributi. Una delle questioni piu' urgenti sara' inoltre quella legata al Decreto Reggio, intorno al quale 'ballano' risorse da rimettere in circolo pari
a circa duecento milioni. E poi ci sara' il passaggio cruciale della Citta' metropolitana, vera e propria chiave di volta per far uscire Reggio dalle secche in cui si trova. In questa direzione il sistema Confindustria reggino ha gia' compiuto passi importanti nell'ambito della rete confindustriale nazionale di recente riunitasi a Firenze. Proprio in quella sede e' stata ribadita l'importanza di lavorare per rendere coerente la geografia amministrativa del territorio con quella economica".
 
"Un passaggio, questo - ha concluso Cuzzocrea - che nella nostra provincia dovra' tener conto del ruolo fondamentale giocato dal porto di Gioia Tauro". "Occorre rivedere il sistema burocratico - ha detto, da parte sua, Francesco Siclari - cercando di considerare le esigenze e le problematiche che influiscono sul sistema produttivo. Le imprese vivono una fase di grave sofferenza anche per una mancanza di dialogo con gli amministratori. Anche da questo punto dovra' ripartire il futuro Governo cittadino. Le aziende reggine sono per la stragrande maggioranza realta' sane, che vogliono lavorare e contribuire alla crescita e allo sviluppo".