Direttore: Aldo Varano    

CS. Scadenza bando per elenco Tutori Legali Volontari

CS. Scadenza bando per elenco Tutori Legali Volontari
ReP
 
Il Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza della Regione Calabria e il Comune di Cosenza attivano un percorso formativo rivolto ai cittadini di Cosenza e provincia per l’istituzione di un elenco di Tutori Legali Volontari al quale potrà attingere il giudice competente per la nomina di tutori. Obiettivo dell’iniziativa è selezionare e formare persone disponibili ad assumere la tutela legale di un bambino o di un adolescente, i cui genitori siano decaduti o non siano nella condizione di esercitare la responsabilità genitoriale. Il precorso formativo ha la funzione di assicurare la consulenza e il sostegno ai tutori dopo l’iscrizione nell’elenco, garantendo loro un costante aggiornamento. La nomina a tutore di un minore non dà alcun diritto a compensi di sorta, così come disposto dall’art. 379 comma 1 del Codice Civile. Il bando, che scadrà il prossimo 30 ottobre 2014, è consultabile sui siti www.garanteinfanziacalabria.it e www.comune.cosenza.gov.it. Potrà presentare domanda di ammissione al corso di formazione: chi ha compiuto il 25° anno di età; chi è in possesso del diploma di scuola secondaria superiore di 2°grado; chi ha cittadinanza italiana; chi è residente e domiciliato nella provincia di Cosenza; chi è nel pieno godimento dei diritti civili e politici; chi non ha precedenti penali a carico; chi non si trova in uno degli impedimenti previsti dall’art. 350 C.C.; chi è in possesso dei requisiti di cui all’art. 348, comma 4 C.C.. “Il Tutore è una persona motivata e sensibile – dichiara l’on. Marilina Intrieri – attenta alla cultura dei diritti dei minori che assume la rappresentanza legale del minore che sia privo dei genitori (orfano, minore dichiarato adottabile, figlio di ignoti, ndr) o nel caso in cui i genitori non possano esercitare, anche temporaneamente la responsabilità genitoriale per decisione dell’Autorità Giudiziaria o perché lontani (minori stranieri non accompagnati). Teniamo alla promozione di questa figura perché il Tutore svolge tutte quelle funzioni e quei compiti che normalmente sono assolti dai genitori”. L’importanza del Tutore è rappresentato dal ruolo che egli interpreta di fronte alle istituzioni, in quanto è la voce consapevole nelle vicende che riguardano il minore affidato. “Sarà il Tutore – aggiunge l’avvocato Manfredo Piazza, assessore al ramo del Comune di Cosenza – che curerà i rapporti con le istituzioni educative, sociali, giudiziarie e sanitarie e che dovrà assicurarsi che i soggetti coinvolti nella promozione del benessere del minore svolgano pienamente le funzioni di competenza, verificando che il minore sia seguito, educato e ascoltato”. La figura del Tutore, in un’ottica puerocentrica del diritto minorile sempre più child friendly, risponde a una nuova sensibilità di protezione dell’infanzia. Egli, non è più solo una mera figura burocratica, ma realizza un interesse di “cura” del minore poiché accanto ai compiti di rappresentanza e gestione del patrimonio può costituire un efficace strumento di protezione e tutela dei minori in difficoltà, una figura “amicale”, anche di indirizzo educativo, che affianca il minore. La nomina del Tutore spetta al Giudice tutelare presso i Tribunali Ordinari e al Tribunale per i Minorenni. Il volontario che dà la propria adesione viene preliminarmente formato con appositi corsi circa il ruolo, le responsabilità e le funzioni che dovrà rappresentare. Quanti parteciperanno al bando e avranno dimostrato di possedere i requisiti richiesti saranno ammessi a frequentare un corso di formazione della durata di 24 ore, al termine del quale verrà rilasciato un attestato di frequenza che costituisce uno dei requisiti validi per essere inseriti nell’Elenco Regionale dei Tutori Legali Volontari. L’inserimento nell’elenco è subordinato al superamento di un colloquio, che terrà un’apposita Commissione presieduta dalla Garante, sugli argomenti trattati durante il corso. La domanda di partecipazione potrà essere inviata a mezzo mail, in alternativa all’indirizzo indicato nel bando, all’indirizzo: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.