Direttore: Aldo Varano    

La Calabria al Premio Internazionale "Il Convivio 2014"

La Calabria al Premio Internazionale "Il Convivio 2014"
ReP
 

Nel suggestivo scenario dell'Assinos Palace Hotel il 26 ottobre scorso si è
tenuta la cerimonia di consegna della 14° edizione  dell'atteso e prestigioso
premio internazionale “il Convivio-poesia, prosa ed arti figurative."
La conduzione della cerimonia è stata affidata al Presidente del Convivio,
Prof. Angelo Manitta ed alla nota artista reggina Adriana Repaci.

La giuria, Presidente onorario Prof. Giorgio Barberi Squarotti e Presidente Prof.ssa Carmela Tuccari, composta oltre che dalla sopra citata Repaci, da un parterre de roi di fama internazionale, ha dovuto cimentarsi nell'arduo compito di esaminare ben 1263 opere, dall'analisi delle quali è emerso l'alto livello qualitativo ormai
raggiunto dalla prestigiosa manifestazione.
Per quanto riguarda la sezione dedicata alla pittura, l'opera " luci e colori"
dell'artista vibonese Caterina Rizzo ha superato l'agguerrita concorrenza, fra
cui va certamente annotata la segnalazione di merito appannaggio di due
emergenti artiste reggine, Rosanna Corsaro con l'opera " Amore" ed Eleonora Maria Barbaro con " Fragranza d'ebano".

L'approfondita analisi della kermesse ha portato alla ribalta l'opera di un
giovane scrittore lametino, l'Avv. Giuseppe Borrello, che ha denotato spiccate
potenzialità che non si dubita potranno emergere in futuro.
L'opera "Zombie", per la quale il valente scrittore ha ricevuto una
segnalazione di merito, crea, quasi non si
trattasse di parole ma di pennellate d'inchiostro, luci soffuse, ambienti in
penombra, sguardi persi nel vuoto, riproponendo emozioni e sentimenti nascosti,
riecheggianti le atmosfere di Van Goghiana memoria.
Il personaggio dell'opera, in ultima analisi, vagheggia lo stereotipo del poeta
maledetto, chiuso in se stesso, dove traspare una visione del mondo d'infinita
sofferenza e profonda bassezza.
Il linguaggio crudo, essenziale, a tratti drammatico, fa però intravedere un
misticismo di fondo che come in un gioco degli specchi, compare e si nasconde
fra le pieghe di un'ambigua moralità e di una rassegnazione che da Verlaine a
Badelaire fino ai nostri giorni nasce e si rinvigorisce dentro una società che
gattopardescamente muta nei secoli per restare sempre fedele a se stessa e con
le angosce a volte malcelate che in essa sopravvivono.