Direttore: Aldo Varano    

CZ. Il presidente della Provincia, Enzo Bruno, al consiglio comunale aperto di Palermit

CZ. Il presidente della Provincia, Enzo Bruno, al consiglio comunale aperto di Palermit
ReP

“La nuova Provincia come ente di governo di area
vasta saprà garantire l’equilibrio territoriale, contribuendo ad uno
sviluppo strategico, economico e sociale del territorio attraverso la
realizzazione di importanti politiche di promozione e coordinamento”.
Parte da un ampio ragionamento sul futuro dell’Ente intermedio, per cui
si chiedono “deleghe, competenze e risorse”, l’intervento del presidente
della Provincia, Enzo Bruno, che ieri pomeriggio ha partecipato al
consiglio comunale aperto di Palermiti, convocato dal sindaco Francesco
Aloisi. Presenti, tra gli altri, il vice sindaco di Palermiti Roberto
Giorla, e il sindaco di San Vito sullo Jonio, Alessandro Doria. Un
dibattito articolato – aperto dall’intervento del sindaco Aloisio che ha
fatto il punto in maniera dettagliata sull’attività dell’amministrazione
comunale - nel corso del quale il presidente Bruno si è soffermato sulla
situazione delle infrastrutture viarie e dei trasporti, sull’esigenza di
ricucire un territorio provinciale per troppo tempo rimasto sfilacciato,
ribadendo che la priorità dell’amministrazione di Palazzo di Vetro,
nonostante i sempre minori trasferimenti provenienti dal governo
centrale, restano la prevenzione al dissesto idrogeologico e la messa in
sicurezza del territorio. “Al candidato del centrosinistra al governo
della Regione, il futuro governatore Mario Oliverio, in visita alla
Provincia di Catanzaro abbiamo chiesto uno sforzo per ammodernare il
sistema degli Enti locali garantendoci deleghe e competenze per poter
intervenire concretamente nei nostri territori – ha detto Enzo Bruno -.
La legge di stabilità, se applicata per come definita, restringerà
ulteriormente i nostri margini di intervento finanziario. E questa è una
preoccupante realtà. Dal giorno del mio insediamento continuo a visitare
ogni angolo della provincia e ho potuto constatare che mancano
interventi concreti sotto il profilo dell’edilizia scolastica, della
viabilità, della sicurezza ambientale. Noi siamo pronti a mettere in
campo tutte le misure possibili a rimettere in moto gli 80 comuni della
Provincia di Catanzaro. Dobbiamo lavorare tutti insieme, all’insegna
dell’unità altrimenti difficilmente ce la faremo. Gli amministratori e i
sindaci avranno un ruolo determinante nel disegno della nuova
Provincia”.