Direttore: Aldo Varano    

Ideati e costruiti a CROTONE gli strumenti per monitorare il mare della CONCORDIA

Ideati e costruiti a CROTONE gli strumenti per monitorare il mare della CONCORDIA

 

Gli strumenti che dovranno monitorare l'impatto e lo stato di salute delle praterie di Posidonia oceanica a seguito la rimozione del relitto della nave Concordia arrivano dalla Calabria. Sono stati infatti realizzati e collaudati dall'Area marina protetta di Capo Rizzuto in collaborazione con l'Ispra. In particolare, si tratta di un prototipo di veicolo a traino con telecamere ad alta risoluzione in grado di riprendere il fondo marino in prospezione verticale, ideato nell'ambito del progetto Svi.Str.IN '' Sviluppo Strumenti Innovativi''.

Con questo strumento e' possibile effettuare riprese in continuo, per lunghe distanze e, mediante appositi software, realizzare video mosaici ed elaborazioni 2D e 3D fondamentali per monitorare e valutare lo stato di salute e l'estensione delle praterie di Posidonia oceanica e di altre fanerogame marine, di estrema importanza per gli equilibri biologici e lo stato di salute del nostro mare. Questa metodologia, che ha visto coinvolti l'Ispra, con il Dipartimento I '' Monitoraggio della Qualita' Ambientale Marina'' e la Central Queensland University (Australia), ha riscosso particolare interesse anche in Europa ed e' stata recentemente richiesta anche dall'Universita' di Zara Dipartimento Scienze Marittime (Croazia) per applicazione nel monitoraggio delle praterie di Posidonia.