Direttore: Aldo Varano    

Prima sconfitta per la Vis. Capo D’Orlando s’impone 84-74

Prima sconfitta per la Vis. Capo D’Orlando s’impone 84-74

Dopo una striscia di sette vittorie consecutive la Vis Reggio Calabria cade per la prima volta in stagione al “PalaValenti” di Capo D’Orlando e subisce l’aggancio in vetta alla classifica da parte dei siciliani. I bianco/amaranto di coach D’Arrigo hanno giocato un gran primo tempo, con Carnazza, Zampogna e Tramontana sugli scudi, raggiungendo anche la doppia cifra di vantaggio. Dopo l’intervallo, però, i padroni di casa, trascinati dal trio delle meraviglie Dominguez/Vazzana/Marinello (68 punti totali per i tre cecchini della Costa) hanno totalmente cambiato l’inerzia del match, grazie anche ad una maggior freschezza atletica, palesatasi con micidiali accelerazioni in contropiede che hanno messo in ginocchio la difesa reggina.
L’inizio gara, molto equilibrato, viene spezzato sul finire del primo quarto da Carnazza. Il “three pointer” messinese della Vis piazza un mortifero 4 su 4 dalla lunga distanza, dando ai reggini il massimo vantaggio della gara (23-36 al 15mo). La Costa D’Orlando subisce il colpo e perde anche capitan Antinori espulso per un doppio fallo tecnico (veementi proteste) nel giro di pochi secondi. Sembra l’inizio della fine per il quintetto di coach Condello, ma l’episodio si rivelerà determinante in positivo per i siciliani, dando la scossa a tutta la squadra e al pubblico siciliano, sino a quel momento ammutolito dalla rumorosa rappresentanza di tifosi Vis presenti sugli spalti. Dominguez e Marinello sono scatenati e ricuciono quasi interamente il gap. La Costa va negli spogliatoi sotto di soli 4 punti (41-45).
Nella seconda frazione sale in cattedra l’ex Vazzana, che centra la retina dei reggini da ogni posizione con precisione chirurgica, supportato da un incontenibile Dominguez. I locali scappano sul +10 (64-54 sul finire del terzo quarto) ma la Vis non molla, produce il massimo sforzo e all’inizio dell’ultimo periodo si porta a soli 2 punti dagli avversari (66-64) con una tripla di Zampogna. I siciliani ne hanno di più e riallungano nuovamente con due canestri da distanza siderale di Marinello e Vazzana che spengono definitivamente le velleità di rimonta di Grasso e compagni.
Onore alla Costa che ha dimostrato di essere un’ottima squadra, all’altezza delle posizioni di vertice. La Vis, però, deve recitare il mea culpa per non aver saputo gestire la gara nei momenti topici del primo tempo, dilapidando in un amen l’inerzia e il consistente vantaggio accumulato nei primi 15 minuti.
Decisamente insufficiente, infine, l’arbitraggio della coppia aretusea Perrone/Attard, la cui direzione di gara ha scontentato entrambe le compagini, innervosendo una gara maschia ma sostanzialmente corretta.
Questo il tabellino della gara:
Irritec Costa D’Orlando - Vis Reggio Calabria 84-74
(17-20, 41-45, 66-59)
Irritec Costa D’Orlando: Rodriguez 4, Vazzana 20, Antinori 2, Dominguez 29, Marinello 19, Sgrò 2, De Lise, Fazio 8, Micale N.E., Galipò N.E. Allenatore: Condello. Assistente: Vittorio.
Vis Reggio Calabria: Zampogna 24, Grasso 9, Carnazza 12, Pellegrino Yasakov 6, Warwick 9, Barrile, Tramontana 12, Viglianisi 2, Di Dio N.E. Allenatore: D’Arrigo.
Arbitri: Perrone di Augusta e Attard di Priolo.

FEDERICO STRATI - UFFICIO STAMPA VIS 24/11/2014