Direttore: Aldo Varano    

FAI CISL: La Calabria riparta da messa in sicurezza del territorio, forestazione e sorveglianza idraulica

FAI CISL: La Calabria riparta da messa in sicurezza del territorio, forestazione e sorveglianza idraulica

La Fai Cisl Calabria, a seguito della competizione elettorale esprime le congratulazioni al Neo Presidente Mario Oliverio per il risultato ottenuto che gli accredita la guida della Regione Calabria per i prossimi cinque anni.

Adesso però si apre una difficile fase. Comincia un nuovo cammino nel quale l’unità, l’umiltà, la capacità di ascolto, sono elementi essenziali. Non possiamo far finta di dimenticare che molti Calabresi non hanno partecipato alla consultazione elettorale per una chiara disaffezione nei confronti della politica tale da aver sottratto alla Calabria e ai Calabresi ogni speranza di presente e di futuro. Secondo noi questa sarà’ una responsabilità che fa carico innanzi tutto al Neo Governatore , il quale dovrà dimostrare capacità di aggregare, di fare sintesi, di saper mediare, ascoltare e decidere.

Auspichiamo che si possano avviare iniziative efficaci per il rilancio e l’aumento della capacità produttiva della Regione nei diversi settori a partire da quello forestale e della sorveglianza idraulica che riescano a coniugare funzione produttiva e funzione protettiva. Proprio nell’ambito della protezione è strettamente necessario e prioritario che si avvii una nuova politica di messa in sicurezza del territorio esposto a enormi rischi ambientali recuperando le preziose risorse che il territorio esprime.

Urge adottare nuovi sistemi di prevenzione e una migliore gestione dell’emergenza mitigando i rischi del disastro idrogeologico attraverso un’attenta valutazione delle competenze e soprattutto valorizzando le professionalità presenti puntando alla meritocrazia, dando risposte concrete alla salvaguardia del territorio e riconoscendo ai lavoratori i diritti.   Ed è proprio dai lavoratori che bisogna partire evitando che gli stessi vivano continuamente disagi e difficoltà economiche, come accade per il comparto della sorveglianza idraulica che ad oggi avanzano ancora il saldo di Luglio.

Non può esserci sviluppo senza giustizia sociale. Occorre invertire la rotta, “alle tante parole occorrono i fatti”.

Sarà più un obbligo morale che politico. E’ questa, a nostro avviso, la destinazione alla quale dobbiamo volgere lo sguardo mettendo in campo azioni orientate ad una politica di programmazione piuttosto che ad una politica di emergenza.   Chiediamo al Presidente Oliverio l'immediata risoluzione della problematica per permettere ai lavoratori della sorveglianza idraulica il pagamento delle spettanze fino alla fine dell'anno nonché il pagamento degli ultimi mesi ai lavoratori forestali.

Oltre a questo è necessaria la massima oculatezza nel lavoro di previsione bilancio 2015 attraverso una gestione delle risorse che preveda la giusta copertura finanziaria dell’intero comparto Forestale che fa capo all’azienda Calabria verde riconoscendo ad ogni singolo lavoratore, che compie il proprio dovere, il giusto diritto per ritrovare quella dignità che da troppo tempo viene messa in discussione.

Riteniamo pertanto che sia necessario, nell’immediato, la convocazione di un tavolo affinché si inizi a mettere in campo programmi e progetti ben definiti e condivisi per rilanciare il sistema economico-sociale del territorio regionale con investimenti a sostegno delle filiere produttive e dei settori strategici per potersi affacciare con sfrontatezza al sistema Europa.