Direttore: Aldo Varano    

COSENZA. Pubblicata nuova guida sommelier italiani

COSENZA. Pubblicata nuova guida sommelier italiani

 

E' stata presentata a Cosenza, nella sede dell'enoteca regionale di Cosenza, la Guida "Vitae 2015", la nuova pubblicazione ufficiale dell'Associazione Italiana Sommelier, Ais della Calabria. Nell'occasione, preceduta da un incontro-dibattito, si e' svolta la cerimonia di consegna dei diplomi-attestato ai produttori dei vini calabresi premiati quest'anno con i "quattro tralci" della Guida Vitae: il passito Collimarini 2013 dell'azienda Poderi Marini di San Demetrio Corone; il Moscato Passito di Saracena 2013 della Cantina Viola di Saracena; il rosso Magno Megonio 2012 delle Cantine Librandi di Ciro' Marina; il Ciro' Rosso Classico Superiore "Aris" 2011 della Cantina Arcuri di Ciro' Marina; il rosso Magliocco 2010 della Cantina Lento di Lamezia Terme e il passito Mantonico 2010 della Cantina Ceratti di Casignana. Successo nel successo, Sergio Arcuri, col suo Aris 2011 e' entrato nella rosa dei 25 vini a cui Ais ha attribuito il premio speciale Tastevin ed ha incassato il trofeo dedicato ai custodi dei vitigni. Nella nuova Guida dell'Ais - che racconta 2.000 aziende in un volume di 2160 pagine dall'accattivante veste grafica - oltre i lusinghieri riconoscimenti, la Calabria certamente non sfigura. Tutt'altro. I banchi d'assaggio, giovedi' sera a Cosenza erano gremiti di produttori (trentanove) recensiti nella guida e letteralmente presi d'assalto dal pubblico presente. L'Ais Calabria, oltre alla presidente Maria Rosaria Romano ed al vicepresidente Pierfrancesco Multari, ha schierato tutto il suo gruppo dirigente e ben 20 sommelier in tenuta di servizio. I vini della regione hanno goduto cosi' di una notevole ribalta. C'erano gli "stati maggiori" della Cantina-Calabria, da Nicodemo Librandi ai fratelli Viola, da Maria Paola Marini a Salvatore Lento, da Sergio Arcuri a Demetrio e Flaviana Stancati, da Mauro Colacino a Gianfranco Pironti a Lidia Matera, Vincenzo Chimento, Ippolito Spadafora, Roberte Bisconte dei Feudo Sanseverino, i fratelli Alessandro e Pierfrancesco Giraldi, Vincenzo Granata della cantina Magna Graecia, Eugenio Muzzillo di Terre del Gufo, Francesco Scilanga di Cote di Franze e tanti altri. Ne' mancavano, tra i circa duecento partecipanti alla degustazione, esponenti dell'enogastronomia come Raffaele Riga di Slow Food.