Direttore: Aldo Varano    

Vertenza Infocontact. Il Sindaco Speranza al sit-in dei lavoratori

Vertenza Infocontact. Il Sindaco Speranza al sit-in dei lavoratori
ReP
 Dopo l'appello rivolto al Governo nei giorni scorsi il Sindaco, accompagnato dall'Assessore Rosario Piccioni, si è recato questa mattina presso la sede dell'Infocontact nell'area industriale di Lamezia Terme dove era in corso un sit-in di protesta da parte dei lavoratori a rischio di perdere il posto di lavoro.

Il Sindaco, intervenendo, ha solidarizzato con le ragioni e le preoccupazioni dei manifestanti, li ha informati delle iniziative già intraprese e di quelle in corso per una positiva risoluzione della vertenza e ha ricordato loro che il prossimo Consiglio Comunale di giovedì pomeriggio discuterà della situazione alla presenza di una delegazione di lavoratori e dei loro sindacati.

Già questa mattina numerosi parlamentari hanno raccolto positivamente l'appello lanciato ieri dal Sindaco sollecitando il Ministero dello Sviluppo Economico alla convocazione di un tavolo di trattativa. Tra questi l'on. Enza Bruno Bossio del PD, l'on. Celeste Costantino di SEL e il sen. Francesco Molinari e l'on. Sebastiano Barbanti del Movimento 5 Stelle che hanno scritto al Sindaco per illustrare le iniziative da loro adottate sulla vicenda.

La Wind inoltre ha comunicato che per domani è previsto un incontro con le organizzazioni sindacali per discutere della salvaguardia del lavoro per i circa 300 addetti impegnati nella loro commessa.

“ Come abbiamo fatto fin dal primo momento continueremo a seguire – ha dichiarato il Sindaco di Lamezia Terme Gianni Speranza – la delicatissima situazione della Infocontact e dei suoi lavoratori cercando di coinvolgere e sollecitare tutti i soggetti istituzionali e quelli privati coinvolti, allo scopo di garantire l'occupazione e un futuro per i suoi lavoratori. Ringrazio i Presidenti Oliverio e Scalzo per le iniziative già avviate. La Calabria vive da troppo tempo una situazione difficile dal punto di vista sociale, economico ed occupazionale e sarebbe drammatico se alle difficoltà attuali se ne aggiungessero di nuove.

Per questo sono andato questa mattina dai lavoratori: per fare sentire la mia vicinanza e dare la mia disponibilità a battermi con loro per la difesa del lavoro e dei diritti”.