Direttore: Aldo Varano    

DIAMANTE (CS). Iniziativa per il Giorno della Memoria

DIAMANTE (CS). Iniziativa per il Giorno della Memoria
ReP
 
In occasione delle Celebrazioni per il Giorno della Memoria 2015, l’Amministrazione Comunale di Diamante, così com’è avvenuto negli anni scorsi, ha organizzato per il 27 gennaio un’importante iniziativa al fine di “ricordare la Shoah (sterminio del popolo ebraico), le leggi razziali, la persecuzione italiana dei cittadini ebrei, gli italiani che hanno subito la deportazione, la prigionia, la morte, nonché coloro che, anche in campi e schieramenti diversi, si sono opposti al progetto di sterminio, ed a rischio della propria vita hanno salvato altre vite e protetto i perseguitati”. La manifestazione  prevede un primo appuntamento alle ore 10.00 presso la Villa Comunale “Sandro  Pertini”  con l’apposizione, alla presenza delle autorità civili e religiose cittadine,   di tre targhe  in ricordo degli internati diamantesi  nei campi di concentramento nazisti: Nicolino Antonio Pierri, Paolo Vaccaro e Francesco Caselli. Targhe che si aggiungo a quelle già presenti e collocate negli scorsi anni di Ernesto Caridi, Armando Benvenuto, Vincenzo Vergara, Mario Cirone, Vincenzo Maiolino, Venturino Imparato. Di seguito, alle ore 11.00, nella sala consiliare del Comune si terrà un incontro con una testimone della Shoah,  Giulia Spizzichino. La Spizzichino, nata e cresciuta a Roma, è sfuggita  alla grande deportazione del 16 ottobre grazie al padre Cesare, che  dopo la vicenda  della richiesta dell’oro alla Comunità ebraica romana  aveva compreso in anticipo la tragedia che stava per compiersi  e aveva   portato i suoi cari fuori città, in rifugi di fortuna. Giulia rischiò  l’arresto nel marzo del 44’ quando nell’abitazione di fronte  a quella in cui abitava  vennero catturati i nonni e numerosi zii e cugini, tutti appartenenti al ramo materno. Sette di loro  furono uccisi  tre giorni dopo alle Fosse Ardeatine, altri diciannove non tornarono dal campo di sterminio di Auschwitz. Giulia Spizzichino ha raccontato la sua  storia in un libro,  scritto con Roberto  Riccardi,  “La farfalla impazzita” , che prende il  titolo dalla definizione che di lei diede un suo caro amico.  L’incontro prevede, anche, i saluti del Sindaco, Gaetano Sollazzo, l’intervento dello storico, Ciro Cosenza e diverse altre testimonianze. Saranno presenti gli studenti dell’Istituto Comprensivo e dell’IISS di Diamante. Nel corso delle giornata, inoltre, gli intermezzi musicali saranno curati dall’Orchestra di Fiati Città di Diamante.