Direttore: Aldo Varano    

CASTROVILLARI. Nel "Giorno della Memoria" presentazione dell'opera di Troccoli

CASTROVILLARI. Nel "Giorno della Memoria" presentazione dell'opera di Troccoli
 

A Castrovillari, come a Ferramonti, negli anni 1940-43 vennero internati degli ebrei. Di questa presenza, però, non c’è stata memoria scritta. Per tale motivo l’associazione culturale Mystica Calabria intende celebrare e ricordare, con il patrocinio del Comune e della Deputazione di Storia Patria per la Calabria,  il Giorno della Memoria proponendo un evento particolare: la presentazione del libro del professore  Luigi Troccoli, edito da Prometeo ed intitolato “L’internato in oggetto: Tre anni di concentramento in un Comune del Sud Ebrei a Castrovillari (1940-43)”.Il volume, prezioso per la ricerca storica e documentaria, precisa nomi, vita e destino delle famiglie internate a Castrovillari, recuperati e studiati, grazie ad una ampio carteggio di archivio, pubblicato ora per la prima volta.L’appuntamento è fissato per le ore 17.30 di martedì 27 Gennaio nella Sala 14 del Protoconvento francescano.Dopo i saluti del  commissario straordinario al  Comune di Castrovillari, Massimo Mariani,  e di Mario Vicino, scrittore nonché membro della Deputazione di Storia Patria per la Calabria, ci saranno gli interventi di Francesco Panebianco, direttore del “Museo Internazionale della Memoria Ferramonti di Tarsia”, di  Tiziana Rizzo, studiosa della presenza degli Ebrei nella storia della Calabria e dell’autore che contribuiranno a rendere più ricco l’incontro. Il tutto sarà moderato da  Ines Ferrante, presidente dell’Associazione Mystica Calabria e caratterizzato dalla lettura di alcune lettere dei bambini (i semi da cui germoglia il futuro), internati a Castrovillari, a cura di Giuseppina Sisca e da intermezzi musicali di violino della giovane Monica Cafarelli.Particolarmente attese sono le testimonianze di  Giacinto Pernisco, Sara Marini Bloise ed Ester Alois.Il momento offrirà anche l’opportunità di  visitare la mostra fotografico - documentaria sull’internamento, curata dall’associazione Mystica Calabria e dallo stesso autore del libro, e allestita nei chiostri superiori del Protoconvento per essere ammirata dalle ore 10 alle 12.30 e dalle 16 alle ore 19.30.L’iniziativa è anche, e soprattutto, poi, come altri momenti che vengono realizzati in tutt’Italia, una circostanza per comprendere meglio il messaggio universale della Shoah ed approfondire ciò che ha devastato interiormente e fisicamente  migliaia di persone tra la guerra ed i campi di sterminio. Un modo per rammentare pure che il cammino della pace si consolida intendendo che tutti abbiamo lo stesso sangue e facciamo parte del genere umano. Un’occasione, inoltre,  per riflettere sulle testimonianze dei  bambini- i semi del germoglio del futuro-, facendo memoria di ciò che ricorda sempre l’abisso di male dell’Olocausto il quale deve continuamente indurre a manifestare vergogna per l’uomo che si e fatto “dio” per “sacrificare i propri simili a se stesso”. Elementi ed azioni importanti se si vuole -come già avviene e per cui è stata istituita la Giornata- che la Shoah, e quindi il Giorno della Memoria, abbia un impatto sulla formazione delle nuove generazioni e sia di monito per tutti affinché il mondo non ricada in questa vertigine disumana, e per capire sempre più che “vicende ” simili a questo sono sempre la negazione dell’umanità, di ogni valore e diritto che danno dignità alla persona e le consente di realizzare esperienze autenticamente umane, avere una identità, una fede religiosa, una cultura  e di esprimerla civilmente fino a costruire strutture sociali in cui essa possa approfondirsi e trasmettersi.