Direttore: Aldo Varano    

REGGIO. La Fials interviene sulla vertenza Idrorhegion

REGGIO. La Fials interviene sulla vertenza Idrorhegion

ReP

Nella vertenza Idrorhegion che vede licenziati 40 dipendenti su 64 sembra rivedere un film già visto nel Febbraio 2013 allorquando Acquereggine , società di depurazione licenziò ben 86 persone.La Fials ora come allora è in prima linea nella difesa dei posti di lavoro nella Città di Reggio Calabria soprattutto quando si tratta di posti di lavoro finanziati con soldi pubblici cosi come nel caso della gestione della depurazione nella città di Reggio Calabria. Così come annunciato nella riunione tenutasi presso la Direzione Tettitoriale del Lavoro la FIALS ha depositato ricorso ex art. 28 legge 300/70 denunciando il comportamento antisindacale di Idrorhegion che ha escluso senza motivazione il Sindacato FIALS ( peraltro con il maggior numero d’iscritti ) dalle procedure di licenziamento.Se il Giudice del Lavoro come la Fials auspica riconoscerà la violazione del diritto sindacale, tutta la procedura di licenziamento previsto dalla legge 223/91 sarà annullata e con essa i licenziamenti dei 40 lavoratori che avranno decorrenza dal 1° Marzo 2015. La Fials ringrazia pubblicamente le OO.SS. Cisl e Uil che insieme al Sindacato Autonomo hanno richiesto con forza la revoca dei licenziamenti, mentre un altro sindacato non solo non ha chiesto la revoca ma addirittura ha chiesto l’applicazione dell’accordo raggiunto con Idrorhegion cioè i licenziamenti.Si vede che cambiano i tempi e con esso anche qualche sigla sindacale !!  La Fials non può fare a meno di rimarcare l’assordante silenzio della politica, sempre pronta a sfornare comunicati stampa per qualche ritardo nel pagamento di stipendi o conferenze stampa per aiutare la Reggina Calcio e altre amenità, mentre sui 40 licenziamenti da parte del nuovo gestore della depurazione, peraltro con finanziamento pubblico di 75 milioni di euro non riesce ad esprimere una posizione in difesa dei posti di lavoro. La Fials ritiene che a 15 giorni dai licenziamenti il Sindaco Falcomatà possa e debba convocare una riunione urgente con il nuovo gestore e gli uffici comunali competenti, le OO.SS. per cercare di salvaguardare 40 posti di lavoro in una città martoriata e in ginocchio dal punto di vista economico e sociale.La Fials conclude riponendo la speranza in dio e nella Magistratura per avere giustizia e lavoro