Direttore: Aldo Varano    

BORGIA (CZ). Il piano spiaggia dell'Amministrazione è pronto per l'esame del genio civile

BORGIA (CZ). Il piano spiaggia dell'Amministrazione è pronto per l'esame del genio civile

ReP

Finalmente si potrà dare il giusto valore alla nostra costa! 

Ciò grazie al nuovo piano spiaggia che è pronto per essere sottoposto ad una valutazione del genio civile. Se come pensiamo andrà tutto bene, il piano sarà poi sottoposto nuovamente al vaglio dell’apposita commissione consiliare prima ed all’’approvazione dell’intero consiglio comunale poi. A quel punto dopo essere stato esaminato ed aver acquisito il parere positivo in conferenza dei servizi da parte di tutti gli enti preposti, sarà pronto per approvazione finale ed in vigore prima della prossima estate. Ad affermarlo – in una nota diffusa dal responsabile dell’ufficio stampa – Elisabeth Sacco, assessore all’assetto e pianificazione urbanistica del territorio. La nuova versione del piano – ha spiegato l’assessore – è stata sottoposta lo scorso lunedì al vaglio dell’apposita commissione consiliare quasi al gran completo (unico assente il consigliere Veraldi) e ricevuto un pieno consenso anche da parte dei consiglieri d’opposizione Esposito e Tavano che, nel condividere le scelte adottate, si sono dichiarati pronti a nuovi incontri non appena il piano ritornerà in commissione dagli uffici del genio civile. Alla riunione della commissione, nel corso della quale la Sacco ha esposto alcune novità rispetto al passato tra cui i nuovi rilievi geologici effettuati, erano altresì presenti i professionisti incaricati alla redazione dello stesso piano. È importante sottolineare – ha aggiunto il sindaco Fusto– quanto il nuovo piano si discosti da quello del 2003, che non ha poi superato l’esame in conferenza di servizi nel 2008 e per il quale il genio civile ha richiesto delle modifiche di tipo geologico. Quello attuale prevede, ad esempio, di lasciare l’area sic oasi di Scolacium (Istituita per legge nel 2005) incontaminata e prevede un’ulteriore zona di salvaguardia di 500 metri per evitare pressioni antropiche che possano ripercuotersi sulle specie protette presenti nell'area. Inoltre, in fase di predisposizione, si è anche tenuto conto dei nuovi vincoli previsti dalla Regione Calabria con riferimento alla pericolosità da erosione costiera. A seguito di tutto ciò, rispetto al passato, nella nuova pianificazione è previsto un minor numero complessivo di possibili concessioni, ma si garantiscono delle zone franche di spiaggia libera. Il piano così strutturato consente anche di avere adeguati servizi di accoglienza e soggiorno marino di cui i bagnanti potranno disporre.