Direttore: Aldo Varano    

NDR. Prefetto dispone accesso antimafia a Nardodipace, il comune più povero d’Italia

NDR. Prefetto dispone accesso antimafia a Nardodipace, il comune più povero d’Italia

 

Il Prefetto di Vibo Valentia, Giovanni Bruno, ha disposto l'accesso antimafia nel Comune di Nardodipace, noto per essere il "comune piu' povero d'Italia", i suoi abitanti cioe' hanno il reddito pro capite piu' basso del Paese. L'iniziativa del Prefetto trae origine dall'arresto il 3 febbraio scorso del sindaco del Comune del Vibonese, Romano Loielo, e dell'ex vicesindaco dello stesso centro, Romolo Tassone, figlio del boss della 'ndrangheta Rocco Bruno, attualmente detenuto. Loielo e Tassone sono stati arrestati con l'accusa di truffa aggravata. Secondo l'accusa i due avrebbero utilizzato per scopi illeciti fondi dell'Unione europea, dello Stato e della Regione Calabria finalizzati all'organizzazione di corsi di formazione per la creazione di posti di lavoro. E' la terza volta che viene disposto l'accesso antimafia nel Comune di Nardodipace. La prima fu nel 2008, ma in quell'occasione non furono ravvisati gli estremi per lo scioglimento. Nel 2011, invece, all'accesso disposto dall'allora prefetto di Vibo, Michele Di Bari, face seguito lo scioglimento del Comune. Sindaco, all'epoca, era lo stesso Romano Loielo, che fu dichiarato successivamente incandidabile. Loielo presento' ricorso contro la dichiarazione di incandidabilita' alla Corte d'appello di Catanzaro, che lo accolse consentendogli cosi' di ricandidarsi e di essere rieletto sindaco nel novembre del 2013 con una percentuale del 57%.