Direttore: Aldo Varano    

REGGIO. Il "Cilea" ospita la mostra fotografica "Misti si nasce"

REGGIO. Il "Cilea" ospita la mostra fotografica "Misti si nasce"
Nella "Settimana d'azione contro il razzismo", il teatro "Francesco Cilea" di Reggio Calabria, accoglie "Misti si nasce", mostra fotografica dell'antropologa-fotografa Patrizia Giancotti. Giornalista, conduttrice e autrice di programmi per Radio 3, la Giancotti con oltre cento reportages pubblicati (tra cui uno speciale sulle bellezze della Calabria per il il mensile Tuttoturismo) e una cinquantina di mostre fotografiche in tutto il mondo, l'ultima delle quali allestita al Palazzo del Congresso Nazionale di Brasilia, porta al Cilea un allestimento antropologico e ludico al tempo stesso. Parafrasando il "signori si nasce" di Totò, l'autrice indica nella mescolanza culturale il valore aggiunto della società contemporanea, portando al pubblico il caleidoscopico mondo del Brasile e il suo popolo, misto di nascita, multietnico fin dalla sua fondazione: a questa pioniera umanità del futuro, è dedicata la mostra nella quale alle immagini, si alternano le parole con le quali il popolo brasiliano ha definito il colore della propria pelle nell'autodichiarazione del censimento. Tra sacerdotesse afro-brasiliane, donne bellissime, ragazzi biondi dalla pelle scura, bianche dalla gestualità africana, si riconoscono, tra gli altri, l'architetto Oscar Nieyemeier, "inventore" di Brasilia, l'attrice Sonia Braga, lo scrittore Jorge Amado, il musicista ex Ministro della Cultura Gilberto Gil, Ronaldo, Caetano Veloso e il Presidente Lula. L'autrice, che è stata premiata dal Brasile, con l'onorificenza del Cruzeiro do Sul per il suo lavoro, e ha appena concluso la realizzazione del film sul Museo Nazionale delle Arti e Tradizioni Popolari "A Memoria d'Uomo", incontrerà il pubblico martedì 17 alle ore 10, presentando anche una inedita proiezione d'immagini sul palco del Cilea. Con il suo lavoro portato a Reggio per la Settimana Unar, ci dice che dare valore alla pluralità è l'arma più efficace per aprire la porta al futuro del mondo e per un domani collettivo con più umanità incorporata