Direttore: Aldo Varano    

Presentati al Senato i Livelli Essenziali Anticorruzione e Ispe-Sanità

Presentati al Senato i Livelli Essenziali Anticorruzione e Ispe-Sanità
 

Sono stati presentatioggi presso la sala Caduti di Nassiryia del Senato della Repubblica, i Livelli Essenziali Anticorruzione proposti da ISPE-Sanità: un fitto programma di appuntamenti e interventi che si snoderanno lungo tutto il 2015 e parte del 2016.Nel corso del suo intervento il senatore Nico D'Ascola, ordinario di diritto penale all'Università Mediterranea di Reggio Calabria e relatore al Senato del ddl anticorruzione che ha spiegato cosa cambierà sul fronte della lotta alla corruzione qualora il testo discusso da Palazzo Madama dovesse essere definitivamente approvato:“Il disegno di legge in discussione non è uno strumento preventivo è uno strumento di diritto penale. Siamo consapevoli della sua incompletezza – ha dichiarato il senatore - l'intervento punitivo dello Stato deve essere evitato lavorando sul fronte della prevenzione. Non esiste,infatti, nessuna dimostrazione scientifica che faccia corrispondere l'aumento della pena alla diminuzione dei reati, così come ho argomentato nella mia relazione in Aula”. l piano di azione – un vero e proprio “calendario dell’Integrità” - è stato realizzato da ISPE-Sanità, l'Istituto per la promozione dell'etica in sanità, d'intesa con le principali organizzazioni di cittadini, centri di ricerca e istituzioni:un intervento ad ampio spettro – che declina in azioni concrete le indicazioni del Libro Bianco sulla corruption in Sanità pubblicato nell’aprile 2014 - per creare nella comunità, nei professionisti del mondo sanitario e nelle istituzioni una rinnovata cultura della legalità che possa integrare e sostenere nei gesti quotidiane quei principi etici di integrità, trasparenza e responsabilità, a difesa dei quali il Parlamento è impegnato sul fronte legislativo.Il piano dei Livelli Essenziali Anticorruzione ISPE-Sanità– illustrate dal presidente Francesco Macchia - agisce su sei leve di intervento: formazione, ricerca, advocacy, confronto scientifico, interventi sul campo e sensibilizzazione pubblica.         FORMAZIONE: sul piano della formazione è stata messa a punto la SCUOLA DI INTEGRITA’ per operatori della Sanità che mira a fornire a figure apicali, medici e dirigenti elementi teorici e pratici essenziali a realizzare un concreto impegno contro la corruzione. La scuola si sviluppa attraverso 3 itinerari di apprendimento: quello delle Conoscenze, quello degli Strumenti ed il terzo dedicato alle Esperienze e finalizzato allo sviluppo degli anticorpi alla corruzione attraverso l’orientamento dell’etica professionale e della condotta quotidiana. Nel 2014 è stata già condotta con successo un’esperienza pilota.  RICERCA: sul fronte della ricerca è in partenza lo studio analitico, in collaborazione con Aziende Sanitarie Locali e Ospedaliere, delle modalità di applicazione in Sanità della Legge anticorruzione 190/2012.   ADVOCACY: continuerà l’attività di advocacy nei confronti delle istituzioni tramite la presentazione sulla piattaformawww.change.orgdi 3 proposte normative anticorruzione dedicate alla Sanità:1. Esclusione a vita da ogni ruolo pubblico in Sanità per i condannati per reati di corruzione 2. Introduzione in Sanità degli «agenti provocatori» per la verifica dell’integrità del Management della PA sanitaria3.confisca per equivalente ai corrotti in sanità e conseguente reimpiego dei fondi a tutela degli whistleblower in Sanità     CONFRONTO SCIENTIFICO: il confronto scientifico sulla corruzione in Sanità troverà ampio spazio nella 3° edizione dell’ASSISE SULL’ETICA di SANITA’ PUBBLICA che si terrà a fine giugno    ATTIVITA’ SUL CAMPO: ISPE-Sanità entrerà attivamente in progettualità ed azioni anticorruzione offrendosi come partner di regioni ed aziende sanitarie.  SENSIBILIZZAZIONE PUBBLICA: il contrasto alla corruzione richiede poi una azione corale di cittadini ed operatori. Per questo ISPE-Sanità organizza per il 17 febbraio 2016, in partnership con Transparency International Italia, la 1° “GIORNATA NAZIONALE ANTICORRUZIONE IN SANITA’ per la salvaguardia del SSN”.La data prescelta mira a ricordare che l'avvio della stagione di Mani Pulite, venneinnescatoproprio da una “tangente sanitaria”ovvero dall’arresto, il 17 febbraio 1992, di Mario Chiesa - allora presidente del Pio Albergo Trivulzio, ente ospedaliero convenzionato con il Servizio sanitario lombardo - mentre intascava una “mazzetta” per pilotare una gara per l'appalto dei servizi di pulizia.Un fenomeno, quello della corruzione, che in Italia ha purtroppo radici storiche. E per questoinsieme al presidente ISPE-Sanità, Francesco Macchia, sono stati chiamatia sostenere una“Conversazione sulla Legalità”, l'ex magistrato Gherardo Colombo e il giornalista Piero Badaloni, che ne diede notizia al Tg1, che hanno ricostruito il contesto e la lotta condotta in quegli anni comparandola con il fenomeno corruttivo contemporaneo, stimolati dalvice segretario generale di Comunicazione Pubblica, Marco Magheri.