Direttore: Aldo Varano    

ROSARNO. Emergenza kiwi, il ministro Martina risponde all'interrogazione di Parentela (M5s)

ROSARNO. Emergenza kiwi, il ministro Martina risponde all'interrogazione di Parentela (M5s)
 

ReP

«Gli agricoltori della Piana di Gioia Tauro in questo inizio di primavera sono in costante allerta per prevenire il rischio del diffondersi della batteriosi del kiwi, che ha prodotto gravissimi danni, costringendo molti agricoltori all'estirpazione degli impianti, con ingenti danni economici». Lo afferma il deputato M5S Paolo Parentela membro della commissione agricoltura, che aggiunge: «mesi fa ho presentato un'interrogazione al Ministro dell'Agricoltura Martina, chiedendo se non ritenesse opportuno intraprendere tutte le necessarie misure di controllo fitosanitarie e quali interventi intendesse promuovere sul piano della diffusione di un’adeguata attività informativa tese a salvaguardare un comparto Frutticolo quale è quello del Kiwi». «Nella risposta alla mia interrogazione – continua il Cinque Stelle – il Ministro ha ribadito la possibile convivenza con la presenza del batterio, che può essere tenuto sotto controllo dagli uffici fitosanitari regionali che svolgono pertanto una periodica attività di monitoraggio nelle aree produttive e di ispezione presso le attività vivaistiche, impartendo prescrizioni obbligatorie e curando la divulgazione di strategie di profilassi e difesa fitosanitaria. È determinante, però, che gli agricoltori segnalino la presenza di focolai del batterio affinché si possa intervenire prontamente per fermare eventuali epidemie». Parentela conclude: «Dopo la crisi degli agricoltori agrumicoli, la piana di Gioia Tauro deve fare i conti con la presenza della batteriosi del kiwi. L'attenzione della politica deve rimanere alta, anche perché il nostro Paese è tra i maggiori produttori di kiwi al mondo. Passi da giganti sono stati fatti dalla ricerca per l'eradicazione del batterio, ma è necessario l'aiuto degli agricoltori, che devono aiutare le autorità ad una corretta mappatura dell'infezione».